Bahrein, FP1: Vettel velocissimo, Mercedes in crisi

E’ stato Sebastian Vettel il pilota più veloce dell prima sessione di prove libere del GP del Bahrain. Il tedesco ha completato il suo miglior giro con il tempo di 1’32”697, un crono di tutto rispetto se si considerano le condizioni ambientali e della pista.

Ad inseguire la Ferrari ci sono state le due Red Bull, con Ricciardo che è stato solo 4 decimi più lento di Vettel a parità di mescola. Terzo tempo per Max Verstappen, attardato a sua volta di 4 decimi dal compagno.

Quarto tempo per la Force India di Sergio Perez, che paga 1’3”di ritardo da Vettel. Perez ha preceduto Massa, autore di un’uscita di pista (fortunatamente senza conseguenze) a causa di un problema all’impianto frenante. Massa ha infatti dichiarato di aver sentito il pedale andare giù all’improvviso senza provocare nessun rallentamento alla sua monoposto.

Sesto tempo per Lance Stroll, che paga appena un decimo di ritardo da Massa. Settimo tempo per Esteban Ocon, con l’altra Force India VJM10.

Ottavo tempo per Fernando Alonso, seguito da Grosjean e da Hamilton.

Il britannico ha sofferto un elevato graining ai suoi pneumatici che lo ha rallentato parecchio. Dietro di lui si sono piazzati Daniil Kvyat e Nico Hulkenberg, autore di un’uscita di pista senza conseguenze.

Solo quattordicesimo Valtteri Bottas, preceduto da uno sfortunato Stoffel Vandoorne: il pilota belga ha sofferto un problema all’ERS che lo ha costretto a fermare la sua MCL32 a bordo pista.

Quindicesimo Jolyon Palmer, seguito da Marcus Ericsson e dal rientrante Pascal Wehrlein.

Carlos Sainz ha fatto solo 16 giri ritenendo questa sessione inutile ai fini del lavoro nel weekend per via delle condizioni in cui si è disputata.

Solo ultimo lo sfortunato Kimi Raikkonen: il finlandese, durante il suo settimo giro, ha accusato un calo di potenza causato da un surriscaldamento della turbina della sua Power Unit. Costretto a fermarsi a bordo pista, è rientrato ai box, dove i meccanici attendevano la sua monoposto con una power unito totalmente nuova.

Sembra inoltre che questa prima sessione abbia evidenziato quello che già sembra essere un gran punto di forza della SF70-H: il consumo degli pneumatici. Le due mercedes, infatti, sono andate in crisi a causa del graining.

Anche rispetto alle Red Bull, la Ferrari sembra avere un lieve vantaggio di consumi: Ricciardo infatti ha percorso lo stesso numero di giri di Vettel con un treno di pneumatici Soft accusando però molto più degrado.