Jump start: Vettel chiede di rivedere la regola

Sebastian Vettel, alla vigilia del Gran Premio di Gran Bretagna ha chiesto che venga applicato un monitoraggio più severo per i jump start. La richiesta del tedesco è arrivata dopo che Valtteri Bottas è riuscito ad evitare tutte le possibili sanzioni in Austria nonostante si sia preso un grosso rischio.

La convinzione di Vettel è che Bottas abbia anticipato la partenza, anche se i dati danno una versione dei fatti molto diversa. Infatti, secondo la grafica mostrata prontamente dalla regia internazionale, sembra che la vettura di Bottas si sia mossa regolarmente. Esattamente 201 millesimi dopo lo spegnimento dei semafori.

Bottas ha avuto fortuna ad anticipare impercettibilmente lo spegnimento dei semafori. Vettel però ha chiesto una revisione di tutte le prove a disposizione della FIA proprio perchè sembra chiaro che la monoposto di Bottas inizia a spostarsi con i semafori ancora accesi.

via GIPHY

Vettel ha dichiarato: “Penso che sia chiaro, la regola è chiara, credo che probabilmente la regola dovrebbe fugare ogni dubbio. Ripeto quello che ho detto subito dopo la partenza e cioè che Bottas ha anticipato lo start. Anche se la sua vettura si è spostata nel momento in cui si sono spente le luci -prosegue il tedesco- , il corpo umano non ha un tempo di reazione pari a zero, quindi è comunque un jump start.”

Vettel ha poi concluso: “Magari una cosa del genere non ti capita per dieci anni, ma quando succede devono essere presi i giusti provvedimenti”.

Nella GIF soprastante, si vede chiaramente come la monoposto di Bottas inizia a muoversi con le luci ancora accese. Inoltre, se si presta attenzione al volante, si vede la mano sinistra del finlandese muoversi (per il rilascio della frizione) e la gamba sinistra alzarsi (per il rilascio del freno).

Cosa dice la FIA sul jump start

La FIA, però, ha dato una spiegazione alla mancata penalità del pilota della Mercedes: “Le partenze sono controllate da un sistema elettronico che calcola se una vettura si sposta di una distanza, anche se molto piccola. Ovviamente, il tempo di riferimento viene calcolato tra l’accensione dell’ultima luce rossa e lo spegnimento dei semafori. In passato, abbiamo scoperto che bisogna permettere un movimento molto piccolo alle monoposto. Questo movimento è necessario poiché i piloti devono talvolta fare delle regolazioni della frizione in preparazione alla partenza.”

Il delegato FIA ha poi proseguito con la sua spiegazione: “Questo sistema funziona da oltre vent’anni e sfrutta anche i dati dei trasponder delle monoposto per rilevare i movimenti delle vetture. Inoltre, questo stesso sistema si è dimostrato molto affidabile in tutto questo tempo.”

Il delegato ha concluso: “Bottas, muovendosi prima dello spegnimento, non ha superato il limite di tolleranza imposto per la rilevazione del jump start. Semplicemente, il pilota ha avuto fortuna, riuscendo ad azzeccare in modo perfetto l’attimo dello spegnimento dei semafori. Ogni spostamento della Mercedes di Bottas, quindi, è rientrato nelle tolleranze previste e consentite”.

Vettel non ha chiesto comunque in via ufficiale una sanzione per Bottas.