La McLaren smentisce il rientro in Formula 1 di BMW

La notizia è arrivata velocemente, ed è svanita velocemente.

Stamattina vi avevamo parlato del possibile rientro in Formula 1 di BMW con McLaren e giusto qualche ora fa il team di Woking ha rilasciato un comunicato stampa ufficiale in cui ha smentito ufficialmente la notizia: “La McLaren ha una relazione stretta e di lunga durata con la Honda, e il progetto Formula 1 resterà totalmente separato dall’annuncio del consorzio per lo sviluppo della prossima generazione delle nostre vetture stradali. Honda e McLaren hanno concordato che lavorare insieme per migliorare la competitività in Formula 1 resterà l’obiettivo principale.”

Il rumor, ormai declassato a “bufala” aveva però fatto sperare i tifosi della McLaren, che confidavano nella storia di BMW in Formula 1, una storia fatta di successi e di ottimi risultati, risultati che sembra tardino ad arrivare con le power unit Honda nonostante sia chiaro che le qualità della monoposto di Woking siano di gran lunga superiori a quelle di altre monoposto che stanno raccogliendo ottimi risultati in questi anni.

Alcune voci interne a BMW però, hanno dichiarato che la casa tedesca ha costruito un propulsore che rispetta tutte le specifiche disposte dalla FIA per le power unit che motorizzano le attuali monoposto di Formula 1. Questo potrebbe essere uno dei segnali più chiari che la BMW sia davvero interessata ad un possibile rientro sulla scena della Formula 1, anche se non lo farà con la McLaren.

Sicuramente a Woking resta un pizzico di rimpianto nell’aver interrotto i rapporti con Mercedes, casa che sta producendo le power unit che stanno dominando la scena da quando sono state introdotte le nuove unità motrici.

Smentita la notizia quindi, i nostalgici possono essere contenti del fatto che la McLaren Honda sarà ancora in pista per le prossime stagioni indipendentemente dai risultati ottenuti nel 2017, in attesa che arrivino i risultati che arrivarono durante l’epoca d’oro della McLaren motorizzata Honda.