La stupenda Aston Martin Valkyrie: una “sorella” delle vetture di Formula 1

La Aston Martin Valkyrie, designata per essere quanto più vicino possibile a una monoposto di Formula 1, è una hypercar ibrida derivante proprio dalle Formula 1 e dalle LMP1 del campionato WEC.

Il veicolo è stato progettato in collaborazione tra Aston Martin e Red Bull: i due designer sono stati Marek Reichman e Adrian Newey.

Il propulsore V12 aspirato da 6,5 litri di cilindrata è fornito da Cosworth, la potenza è di 1000 cavalli. Il peso è poi piuttosto contenuto, ovvero 900-1000 kg, con un rapporto peso-potenza 1:1.

Le nuove foto mostrano la carrozzeria dell’auto assolutamente simile a un veicolo di Formula 1. Gli ingegneri di Aston Martin hanno lavorato assieme alla divisione Advanced Technologies di Red Bull per migliorare lo stile e l’aerodinamica, successivamente alla presentazione ufficiale avvenuta al Salone di Ginevra lo scorso marzo.

Le modifiche prevedono nuove aperture tra l’abitacolo e le ruote anteriori. Gli ingegneri hanno affermato che ciò porterà grossi benefici in termini di deportanza. Adrian Newey però non si accontenta e punta ancora a migliorare la deportanza. Miles Nurnberger, direttore della funzione Exterior Design di Aston Martin, ha dichiarato che l’auto attuale necessita solo di un 5% di modifiche per arrivare alla versione definitiva.

Il team ha anche puntato a offrire più spazio possibile all’interno della nuova Aston Martin Valkyrie senza compromettere gli esterni. I sedili sono montati direttamente sulla scocca in carbonio, mentre i passeggeri dovranno adottare una posizione sdraiata che ricorda quella delle attuali formula 1 e dei prototipi della 24 ore di Le Mans.

L’abitacolo è “minimalista”, con pochissimi pulsanti e un touchscreen. Il volante rimovibile ha una somiglianza impressionate con quello dei veicoli della 24 ore di Le Mans. Il veicolo presenta uno schermetto sulle ruote mentre due telecamere collegati ai lati della vettura fungono da specchietti retrovisori. Non vi è un finestrino superiore, grazie all’imbocco dell’aria montato sul tetto.

Questo bolide arriva a 320 km/h in 10 secondi. Il cambio, a 7 marce, è designato da Ricardo. Questa hypercar impiegherà poco più di 2 secondi per passare da 0 a 100 km/h. Vi saranno due versioni, una da strada e una da pista. La velocità massima di quest’ultima supererà i 350 km/h. Andy Palmer, CEO di Aston Martin ha affermato che la Valkyrie, in versione da corsa, sarà in grado di essere più veloce di una Formula 1 o LMP1 nel circuito di Silverstone.

La marca degli pneumatici sarà Michelin, mentre il sistema frenante sarà fornito da Alcon e Surface Transforms.

La produzione prevede solo 150 esemplari e si vocifera che siano stati venduti già tutti. Chi la ha ordinata dovrà attendere probabilmente l’inizio del 2019 per vedersela consegnata. Il prezzo? Quasi 2,5 milioni di euro.