Pagelle F1 GP Austria: Bottas perfetto su Vettel, Ricciardo all’attacco!

Un’altra gara sicuramente piena di emozioni quella a cui abbiamo assistito a Spielberg(resoconto)! Ora il circus della F1 dovrà fare rapidamente i bagagli per prepararsi al GP di Gran Bretagna, ma nel frattempo ecco le mie pagelle della gara appena passata:

    • Valtteri Bottas 10: Non lo vedevamo correre così dalla gara di Sochi, in Russia. Un week-end perfetto per il finlandese della Mercedes che fa una partenza perfetta (seppur lasci ancora qualche dubbio) e dei giri mostruosi con le ultrasoft. Ma il momento chiave è con le Supersoft: sapendo che Vettel era più veloce non ha perso la calma ed è riuscito a portare la sua monoposto davanti a quella del tedesco. Se continua così può veramente essere pericoloso per la lotta al titolo mondiale!
    • Sebastian Vettel 9: Oggi al ferrarista possiamo rimproverargli poco o niente. È mancato forse nel primo stint quando Bottas gli sfuggiva man mano che passavano i giri, ma nel secondo stint ha dimostrato il perché della sua leadership in classifica con dei giri capolavoro, soprattutto nel finale. Purtroppo questo non è bastato a superare l’altra freccia d’argento, ma c’è comunque la soddisfazione del primo podio in Austria e dei punti guadagnati sulla ‘prima’ Mercedes.

    • Daniel Ricciardo 9.5: Per quanto dovremmo continuare a vederlo fare la Shoey a lui e ai VIP del podio? L’australiano sembra non volersi più fermare e lo dimostra con una gara all’attacco in cui prima ha sopravanzato un Raikkonen pigro nelle prime fasi di gara e dopo quando ha tenuto dietro Hamilton negli ultimissimi giri. Non a caso la Ferrari fa il suo nome per il dopo-Kimi. E direi che questo 5° podio consecutivo (forse il più bello finora) è attualmente un ottimo biglietto da visita da mostrare alla casa di Maranello!
    • Lewis Hamilton 7: Da 8° in griglia a 4° in gara. Probabilmente non si poteva chiedere di più al britannico che condiziona il suo week-end con una qualifica non entusiasmante. In gara prova a sfruttare la scelta della Supersoft ma le elevate temperature hanno nuovamente rovinato i piani a lui e alla Mercedes. Solo nel finale (quando le nuvole si sono addensate facendo scendere le temperature) ha cominciato a pagare, ma era troppo tardi per il podio. Un 4° posto accettabile, ma consapevole che Vettel ora gli si trova davanti di 20 punti e che dovrà riscattarsi nel GP di casa a Silverstone!
    • Kimi Raikkonen 5.5: Va bene che nell’ultimo periodo è stato sfortunato. Va bene che il team lo ha utilizzato come cavia per fare da tappo alle Mercedes. Ma non si può dire che i box Ferrari lo stiano sfavorendo. Sorpreso in partenza da Ricciardo, il ferrarista #7 non fa nulla dopo per riuscire ad attaccare il podio. Un 5° posto che non farà contento né lui e ne la Ferrari che è seconda nel costruttori dietro alla Mercedes. E il suo sedile in Ferrari comincia già a vacillare.

    • Romain Grosjean 7.5: Il francese era un altro dei nomi per il dopo-Raikkonen e in Austria ha tirato fuori dal cilindro la sua miglior prestazione stagionale. Veloce sia in qualifica che in gara, il pilota della Haas chiude al 6° posto come ‘migliore degli altri’ e si mette in grande spolvero per i successivi mesi. La gara di Spielberg può essere vista come la luce fuori dal tunnel? Lo scopriremo solo a Silverstone dove il francese sarà atteso alla riconferma.
    • Force India 7: Al venerdì non avremmo mai pensato ad una Force India a punti. E invece in gara ci sono arrivate 2 a punti! Un successo per Sergio Perez ed Esteban Ocon, soprattutto per il fatto che stavolta non si sono danneggiati a vicenda!
    • Williams 6.5: Se c’è un premio per la rimonta della giornata, quello va senza dubbio al team si Sir Frank. Partiti in penultima fila, Felipe Massa e Lance Stroll rischiano andando con rispettivamente con Soft e Supersoft. Una strategia che, anche per il caos alla partenza, pagherà con il 9° e il 10° posto. Non il massimo ma considerate le premesse della vigilia questi 3 punticini sono oro colato.

  • Daniil Kvyat 4: Il torpedo è tornato. Non per voler male all’ex-Red Bull, ma non è possibile giocarsi subito la gara con un’entrata assassina che ha condizionato irrimediabilmente il Gran Premio suo e degli altri piloti. Risultato? Drive Through e un 16° posto come ultimo classificato. Pierre Gasly assiste dalla finestra, con il russo che rischia per il 2018.
  • Alonso e Verstappen SV: Come si dice da queste parti, la sfiga ci vede benissimo con questi 2 piloti. Per lo spagnolo della McLaren è un’occasione sfumata, per l’olandese della Red Bull è il 5° ritiro nelle ultime 7 gare. Speriamo per loro in una sorte migliore in Gran Bretagna.