Williams: bicchiere mezzo pieno con Stroll, Massa out

Al termine del primo giro del GP di Canada sembrava dovesse essere una gara disastrosa per la Williams, che ha visto Massa uscire di scena dopo appena qualche curva dopo essere stato centrato da Carlos Sainz.

Lo spagnolo, dopo un contatto con Romain Grosjean, ha perso il controllo della sua Toro Rosso, sbandando e andando in testacoda, tanto da colpire il lato destro della monoposto di Massa con il posteriore della sua vettura. Un incidente “vecchio stile” insomma, di quelli che da un pò non si vedevano. Passata la paura per le condizioni dei piloti e rimosse le monoposto, il tutto dopo una breve comparsa della Safety Car, la gara è ricominciata in tutta la sua valenza agonistica, con la Williams che aveva ancora la scommessa “Lance Stroll” da vincere.
Approfondisci: Ecco chi è Lance Stroll

Si perchè il giovane canadese che ha esordito quest’anno in Formula 1, dopo 6 gare aveva uno score di 0 punti contro i 20 conquistati da Massa. Un risultato molto negativo se si considera che Stroll guida la monoposto messa in pista dal team che la passata stagione chiuse in quinta posizione in classifica costruttori.

Ma Stroll è stato in grado di stupire tutti quelli che (come me, devo dirlo, ma poco importa) non avevano nessuna fiducia nel giovanotto miliardario che ha comprato un sedile in Formula 1 grazie alle capacità economiche del padre (che detiene anche una quota dell’impianto canadese che ospita il GP).
Approfondisci: Stroll ha pagato 80 milioni per arrivare in Formula 1!

Lance, infatti, partito dalla diciassettesima posizione, dopo 16 giri abbastanza caotici, era già in nona posizione, sfruttando sia una monoposto nettamente migliore dei piloti che lo precedevano, sia una buona strategia che gli ha permesso di recuperare 5 posizioni allungando il suo stint su pneumatici ultrasoft. E non dimentichiamoci un bel pò di fortuna, visto che ha rischiato di restare coinvolto nell’incidente che ha messo fuori gioco il suo compagno di squadra.

Richiamato al venticinquesimo giro per la sosta ai box, il canadese è rientrato in pista in sedicesima posizione e sfruttando le soste ai box dei concorrenti e  mettendo a segno qualche bel sorpasso, è riuscito ad arrampicarsi nuovamente fino alla nona posizione. L’ultima posizione recuperata, è stata quella su Daniil Kvyat, rimasto fermo in pit lane dopo il pit stop per problemi meccanici.

Subito dopo aver tagliato il traguardo e aver ricevuto i complimenti dal suo ingegnere di pista, il canadese si è lasciato andare in un “Wooow! Finally! First points! In my Gran Prix! (Finalmente! I primi punti! Nel mio Gran Premio di casa!)”.

Adesso, già dal GP di Baku vedremo se questo primo step sia stato utile a Stroll per sbloccarsi definitivamente e mettersi alle spalle tutta la sfortuna della prima parte di campionato o se è stato solo un “fuoco di paglia” destinato a spegnersi in fretta.
Approfondisci: Stroll, il rookie volenteroso ma sfortunato