Williams: con Massa out, Stroll salva tutto!

Già nel weekend del Canada, Lance Stroll si era fatto carico di portare in casa Williams due punticini iridati (i primi in Formula 1 della sua carriera) riuscendo a conquistare un ottimo nono posto nella sua gara di casa.

Anche nel GP di Baku, Lance Stroll è stato autore di una grande gara, nonostante abbia perso il secondo gradino del podio giusto a qualche metro dalla bandiera a scacchi, impotente di fronte all’accelerazione della Mercedes W08EQ di Valtteri Bottas: i due hanno svoltato l’ultima curva con meno di un decimo di distacco e la distanza tra il punto di accelerazione e la linea del traguardo hanno fatto il resto, con il finlandese che è rimasto in scia a Stroll prima di spostarsi sulla destra, aprire il DRS e sopravanzare il canadese per la seconda posizione.

Stroll ha fatto una gara molto “regolare” uniformandosi alla stragrande maggioranza dei piloti in pista dal punto di vista della strategia: partenza su pneumatici SuperSoft, passaggio a pneumatici Soft e poi di nuovo SuperSoft in regime di bandiera rossa per affrontare gli ultimi 29 giri del GP di Baku.

Il canadese ha preso il via del GP di Baku dall’ottava piazzola della griglia di partenza, preceduto da Esteban Ocon e seguito dal compagno di squadra Felipe Massa.
Al via non è stato in grado di difendersi da Massa, perdendo subito una posizione che però gli è stata ‘restituita’ dal contatto tra Raikkonen e Bottas, con il pilota della Mercedes che è scivolato in fondo al gruppo ed è stato costretto a fermarsi ai box per sostituire l’ala e gli pneumatici.

Posticipa di un giro rispetto alla maggior parte degli altri piloti la prima sosta, fermandosi al giro tredici e non al giro dodici, con la Safety Car in pista già da un giro.
Al ventesimo giro sfrutta il disastro dei piloti Force India, la sfortuna di Raikkonen ed il guasto di Verstappen per recuperare tre posizioni ed arrivare a fermarsi in pit lane per la bandiera rossa in quarta posizione, alle spalle del compagno di squadra. Alla ripartenza recupera subito una posizione su Felipe Massa, e sale in terza piazza, dove rimarrà fino all’ultima curva.

Diversa, invece, la gara del brasiliano, che riesce a superare alla partenza sia Stroll che Ocon. Come il suo compagno di squadra sfrutta i guai di Verstappen, riparte ottimamente dalla prima neutralizzazione della Safety Car con un ottimo sorpasso su Perez e si arrampica fino alla terza posizione quando la Direzione di gara decide di esporre la bandiera rossa.

Purtroppo per lui, alla ripartenza si manifesterà un problema meccanico sulla sua Williams che lo costringerà a tornare ai box e porrà fine alla sua gara.

I numeri dicono che Massa è stato quello che ha portato più punti alla Williams finora (20 contro i 17 di Stroll), ma quelli di Stroll hanno sicuramente un sapore diverso visto che sono arrivati con i primi due traguardi più importanti nella carriera di un pilota: punti al GP di casa e primo podio in carriera.

Forse siamo stati frettolosi nel giudicare il diciottenne Lance.