Roma vicina ad ospitare la Formula E: accordo raggiunto

Adesso ci siamo veramente: questa mattina all’Aula Giulio Cesare si è ricevuto il via libera per ospitare la serie FIA per monoposto elettriche nella capitale italiana. L’assemblea ha approvato all’unanimità una mozione in cui la sindaca Virginia Raggi è impegnata “ad adottare gli atti opportuni affinché possa svolgersi l’evento sportivo denominato Formula E a far data dal 28 aprile 2018, o altra data utile, evento da svolgersi con cadenza annuale per il triennio 2018-2020”.

Continuando a recitare il testo, l’ePrix potrà garantire forte visibilità e promozione della città di Roma, in particolare del territorio del IX municipio. Nello specifico la sindaca e la giunta capitolina si impegnano a promuovere accordi con i partner commerciali e gli organizzatori dell’evento sportivo al fine di implementare sensibilmente la presenza di sistemi di ricarica di veicoli elettrici (colonnine di ricarica), l’installazione di sistemi wi-fi gratuito nel territorio del IX municipio, la previsione di postazioni di bike sharing, nonché l’utilizzo di veicoli elettrici in comodato d’uso per il municipio ospitante e/o Roma Capitale”. La Raggi si dovrà impegnare per promuovere un percorso partecipativo rispetto all’organizzazione dell’evento che coinvolga il municipio IX e le associazioni e comitati dell’Eur, al fine di verificare che il progetto non determini alcun tipo di impatto negativo per sul quartiere e al contrario possa determinare interventi sul decoro del quartiere con particolare attenzione alla cura del verde pubblico e alla manutenzione urbana”.

Il primo ad aver messo la firma è stato il presidente della commissione sport Angelo Diario(M5S) che si ritiene soddisfatto dell’accordo raggiunto: “L’evento sfrutta quello che c’è e lo migliora addiritura: ad esempio saranno rifatte le strade(circa 4 km), a spese degli organizzatori, l’unico contro è che saranno chiuse per 2 giorni. Inoltre si aggiungeranno i servizi per il quartiere con colonnine per le ricariche elettriche, postazioni per bike sharing elettrico, punti wi-fi”. Il comune sottolinea che non sarà previsto un finanziamento diretto, dato che “gli unici costi saranno quelli indiretti per i servizi offerti, stimati in 450.000 €. Naturalmente saranno controbilanciati dalle entrate che l’evento porterà”.

Questa mossa è un altro chiaro segnale dell’aumento della popolarità che la Formula E sta avendo in Italia. E se la Ferrari dovesse entrare a far parte del campionato, questo fenomeno esploderebbe pure nel nostro paese! Voi quanto siete impazienti di vedere le monoposto elettriche sfrecciare nella capitale?