DKM 2017 al via: i risultati di Ampfling

Ampfling è stata il teatro del primo round del DKM 2017, che nella classe principale ha visto il netto dominio di David Schumacher. Il figlio di Ralf, che si è schierato al via di gara-1 in quarta posizione al termine delle batterie (la pole position era andata a Kilian Meyer e il primato delle batterie a Felix Arnold, compagno di squadra di David), ha distanziato Glenn Van Berlo, a sua volta costretto a guardarsi le spalle da Luca Maisch, staccato di soli 92 millesimi. Dietro di loro, Killian Mayer e Paavo Tonteri, che deve guardarsi le spalle dal compagno di squadra Felix Arnold, staccato di soli 56 millesimi. Schumacher si ripete in gara-2 e guida la tripletta del team KSM Schumacher, beffando Paavo Tonteri per l’incredibile distacco di 2 millesimi, a loro volta seguiti da Felix Arnold a meno di 3 decimi. Kilian Meyer e Tim Traeger guidano il gruppo di 4 CRG (inframezzati dakllo Zanardi di Adam Eteki) all’inseguimento del team KSM.

Nella DJKM (OK Junior) Hugo Sasse fa il bello e il cattivo tempo, dominando qualifiche, batterie e gara-1, in cui gareggia anche Jonny Edgar che taglia per primo il traguardo ma non prende punti, mentre Hadrien e Traeger arrivano in volata distanziando Zug e Luigi Coluccio. Edgar si ripete in gara-2, andando a vincere davanti a David Hadrien, Coluccio, Sasse, Traeger e Zug, ma anche inn questo caso l’inglese del team Forza Racing non prernde punti.

La classe DSKM (KZ2) è terreno fertile per i portacolori CRG, che dominano la classifica piazzando 6 piloti ai primi 7 posti. Il primo acuto è quello di Fabian Federer, che conquista la pole position, mentre poi a salire in cattedra è Flavio Camponeschi, che conquista il primato nelle batterie e la vittoria in gara-1, dove guida la tripletta CRG con Jorrit Pex e Federer, staccando nettamente Daniel Stell e Max Tubben, con il tedesco unico non CRG nei primi 5. Ma in gara-2 sono ben 7 i mezzi degli All Blacks che si piazzano tra i primi 10, occupando le prime 5 posizioni. La parte dei protagonisti è dei due fratelli Pex, con Stan davanti a Jorrit, mentre Camponeschi, che lo insidia, Federer e Schmitz chiudno il lotto dei primi 5.

Nella DSKC (KZ2), è Moritz Horn a conquistare la pole position, ma il primato nelle batterie va a Julian Mueller, che conquista la leadership grazie a uno straordinario percorso netto. Mueller si impone anche in gara-1, staccando di poco più di un decimo Lucas Speck, seguito da Jeroen Bas, Sepi Sedlmar e Mark Petman. In gara-2, invece, si invertono le prime 2 posizioni, con Lucas Speck che va a vincere davanti a Julian Mueller, con i due che procedono Luka Kamali, Alessio Curto (che corre con licenza tedesca, e Jeroen Bas.