DKM: CRG padrona a Oschersleben

Penultimo round del DKM svoltosi a Oschersleben, nei pressi del circuito automobilistico e l’onda lunga del dominio CRG al Mondiale KZ di Kristianstad sembra essersi fatta sentire anche in Germania, tanto che adesso i piloti degli “All Blacks” ora domandano tutte le 4 classifiche.

Nella categoria principale, la DKM, appunto, Paavo Tonteri conquista il titolo, grazie alla doppietta messa a segno nel weekend che gli consente di recitare la parte del dominatore asoluto della categoria. Il pilota CRG ha infatti conquistato sia la pole position che il primato nelle batterie e nel warm-up. In gara-1 riesce anche a fare doppietta con il compagno di squadra Tim Traeger, mentre Noah Milell si vede inseguito da Luca Lippkau e David Brinkmann. In gara-2, il finnico concede il bis, con il tandem Tony Kart composto da Clément Novalaki e Jean-Baptiste Simmenauer a completare ll podio. Dietro di kloro, Luca Lippkau e Tim Traeger chiudono la top 5, con Tonteri che allunga in modo deciso in classifica su Karol Basz, costretto al ritiro in gara-1, portandosi a 66 punti dal polacco, vantaggio che gli consente di festeggiare il titolo con una gara di anticipo.

Nella DJKM, Dennis Hauger supera in classifica Charles Milesi, grazie a una vittoria in gara-2 e a un terzo posto in gara-1 vinta dal suo ex-compagno di squadra ai tempi della 60 Mini Leonardo Marseglia. Il pilota Tony Kart, primo delle qualifiche e delle batterie, si aggiudica gara-1 permettendo al gruppo OTK di piazzare 4 kart nelle prime 5 posizioni, a eccezione appunto di Hauger. Distacchi minimi tra i primi, con Marseglia inseguito da Hansen, Hauger, Taoufik e Zug. Ma il danese del team CRG Holland in gara-2 ribalta tutto mettendosi dietro 3 mezzi targati OTK, vale a dire quelli di Zug, Taoufik e Marseglia, mentre Kas Haverkort chiude la top 5.

Nella DSKM il Campione del mondo 2015 Jorrit Pex allunga in classifica su Marco Ardigò, grazie alla vittoria in gara-1 e al terzo posto di gara-2. La pole position, nella categoria a marce, è andata a Davide Forè, mentre Daniel Stell, rivelazione del team CRG al Mondiale, ha fatto suo il primato delle batterie. L’olandese, però, conquista gara-1 mettendosi dietro Patrik Hajek, che nel duello in famiglia targato OTK batte per soli 59 millesimi Marco Ardigò, mentre John Norris si mette dietro Davide Forè. In gara-2 è l’altro Pex, Stan, a tagliare per primo il traguardo regalando così un’altra doppietta ai mezzi CRG; lo inseguono Hajek e come detto il fratello Jorrit, che vede il titolo avvicinarsi, mentre Ardigò e Forè chiudono la top 5.

Ancora CRG e ancora doppietta anche nella DSKC, con Max Tubben che allunga sul compagno di squadra Symen Wiggers. Pwer Tubben un trionfo totale, con pole, primato nelle batterie e doppietta, guidando il team CRG Holland verso un grande risultato di squadra. In gara-1 è tripletta per la factory di Tinini, con Tubben che vince davanti a Yannik Witte e al compagno di squadra Max Weering, mentre Patrick Kreutz si mette dietro Mark Potman, con Symen Wiggers che chiude al settimo posto e completando la quaterna della squadra olandese. In gara-2, Tubben e Weering fanno doppietta davanti al Maranello di Christoph Hold, al Mad Croc di Patrick Kreutz e al Mach 1 di Marco Fotrrer, ma dietro di loro ecco altri 2 membri del team CRG Holland, vale a dire Andreas Johansson e Mark Potman.