Matteo Viganò conquista la finale di Genk in KZ2

Matteo Viganò fa sua una straordinaria vittoria nel secondo round del Campionato Europeo KZ2 imponendosi sin dalle prime battute, dopo aver sorpreso al via Leon Kohler. Ma Viganò ci mette lo spazio di due giri per imporsi, dopo aver superato Alex Irlando ed essersi portato dietro anche Tom Leuillet, che scala così al secondo posto insidiato proprio da Kohler e Irlando, con il tedesco che recupera su entrambi al terzo passaggio. Dietro di loro si mettono in mostra Longhi, settimo, e Gonzales, decimo, mentre Pierre Loubere perde 4 posizioni in un colpo solo a causa di un errore. Longhi prosegue nella sua rimonta, arrivando fino al quarto posto, mentre Irlando piazza il giro record al quinto passaggio. E’ il segnale che il pilota italiano è all’attacco, e infatti di lì a poco supera Leuillet e va a conquistare il secondo gradino del podio nel corso del settimo giro. Brutte notizie,  intanto, per Alexander Schmitz, costretto al ritiro.

Passano pochi giri e a mettersi in mostra è Riccardo Longhi, che al decimo giro attacca Kohler e la tornata successiva gli prende il terzo graduino del podio, andando poi a stampare il giro record. Nel corso dei giri successivi,con Viganò e Irlando ormai sicurio delle posizioni, il duello è per le posiozioni dalla terza alla quinta, mentre la rimonta di Gonzales continua, com il francdese del team Maranello in settima posizione. Tripletta italiana con Viganò, Irlando e Longhi, che  precedono Kohler, Van Leeuwen, Lwuillet, Gonzales, Dahlbergm, Skaras e Baciuska. Ma Longhi viene privato del podio, su cui sale Kohler, per la caduta del musetto, con l’italiano che retrocede al decimo posto.