Rosso senza rivali nella OK Junior a Castelletto, Jack Doohan sul podio

Andrea Rosso è ancora una volta il dominatore della WSK Super Master Series nella OK Junior, dopo che ha vinto anche la finale di Castelletto di Branduzzo. Una finale dominata dall’inizio alla fine, in cu-i suoi avversari propiziano la sua fuga. Infatti, la brutta partenza e il successivo recupero di Pavel Bulantsev ai danni di Genis Civico portano il pilota italiano a scappare sin da subito. E così, mentre Thompson e lo spagnolo entrano in crisi, perdendo entrambi delle posizioni, a mettersi in mostra è Jack Doohan, che al terzo giro guadagna il secondo gradino del podio e viene insidiato da Bulantsev. Dietro di loro, il duello tra Bortoleto e Michelotto premia l’italiano, ma la manovra finisce sotto la lente dei commissari, visto che i due si toccano al sesto giro. Bulantsev, intanto, conquista il secondo posto, mentre Morozov indietreggia di due posizioni. Mattia Michelotto all’ottavo giro è terzo nel duello con Jack Doohan, che un giro più tardi risponde per le rime e si riprende il terzo posto.

E così, mentre Thompson sale al quinto posto nella tornata successiva, ecco che il figlio dell’ex-iridato nelle moto torna in seconda posizione alla tornata numero 11. Dietro, Bortoleto è protagonista di un altro contatto, stavolta con Civico, al 13. giro, mentre Michelotto va a prendersi il terzo posto un giro più tardi superando Bulantsev e una tornata dopo ha la meglio anche su Doohan, che a sua volta viene superato da Bulantsev. Ma nessuno può fare nulla contro l’imprendibile Rosso, che vince davanti a Michelotto,. Bulantsev, Doohan, Thompson, Civico, Bortoleto, Henrion, Maraegla e Lulham. Ma i colpi di scena non sono finiti: sul podio, infatti, sale Jack Doohan, che conquista il terzo posto dietro a Rosso e Bulantsev  a causa della penalità inflitta a Michelotto per la caduta del musetto, mentre Michelotto scivola fuori dalla top ten, chiudendo in 11. posizione, preceduto da Kas Haverkort.