Spina vince la rocambolesca finale 60 Mini!

Andrea Alfio Spina è il vincitore di una rocambolesca finale della WSK Champions Cup nella classe 60 Mini, in cui è successo veramente di tutto, con continui cambi di leadership e ribaltoni di vario genere. Spina ha condiviso la prima fila con Paparo, ma allo start è stato Variawa a prendere il secondo posto, mentre per il pilota Formula K il primo giro è stato particolarmente sfortunato, con la perdita di ben 4 posizioni. Il sudafricano, nel corso del secondo giro, guadagna la testa della corsa, ma a sua volta viene beffato da Pulito, con Spina che scivola al terzo posto, ma ci mette lo spazio di una tornata per tornare al comando, con Giardelli che risale al terzo posto. Alle loro spalle si fa vgedere Antonelli, sesto, mentre Mini alla quarta tornata entra nella top 5, al quarto posto. Si accende la battaglia per i 3 gradini del podio, con Spina e Giardelli che si portano al primo e al secondo posto, ma il giro successivo ecco che Grardelli si prende la leadership portandosi dietro nuovamente Variawa.

Mini intanto risale e conquista il terzo gradino del podio, mentre Paparo si porta al quinto posto. Ma non passa nemmeno un giro che la leadership cambia di nuovo, con Mini che va in testa alla gara, mentre a sorprendere tutti è Nikita Bedrin, che guadagna ben 13 posizioni e all’ottavo giro è quinto, facendo segnare anche il giro record della gara. Variawa, invece, perde due posizioni a vantaggio anche di Spina che torna al terzo posto per poi andare a insidiare la leadership, che cambia di nuovo con Giardelli e Spina che superano Mini. All’ultimo giro accade di tutto e a spuntarla è Spina, che va a vincere davanti a Mini, Bedrin che continua la sua rimonta e guadagna il terzo gradino del podio, uno sfortunato Giardelli, Paparo, Antonelli, Variawa, De Palo, Putera e Kenneally, che chiude al decimo posto.