Nel ricordo di Hayden e Simoncelli, Pasini trionfa al Mugello dopo un’emozionante bagarre con Luthi e Marquez!

Dopo la Moto3 con la vittoria di Andrea Migno, suona nuovamente l’inno di Mameli nel circuito di Mugello. Stavolta non è il Morbido a vincere, ma un grandissimo Mattia Pasini che a suon di sorpassi e bagarre è riuscito a far suo non solo il primo podio, ma anche la prima vittoria di carriera nella Moto2! Emozionante il post-gara in cui dedica la sua vittoria non solo a Hayden ma anche al suo defunto amico Simoncelli, fermandosi nella tribuna intitolata al pilota italiano.

Tornando alla gara, sconfitti dopo una lunga e faticosa bagarre con Tom Luthi ed Alex Marquez; lo svizzero può ritenersi comunque soddisfatto di aver recuperato punti sul suo rivale Franco Morbidelli. L’italobrasiliano ha chiuso infatti 4°, lontano dai primi 3 ma con la leadership del mondiale sempre in mano sua. Quinta posizione per la KTM di Miguel Oliveira, 6° Luca Marini che batte sul traguardo lo svizzero Dominique Aegerter e la Speed Up di Simone Corsi. 9° e 10° posto per i 2 rookie di categoria Jorge Navarro e Brad Binder (protagonista al suo rientro di una rimonta dalla 23a piazza).

Caduto purtroppo all’ultimo giro il nostro Pecco Bagnaia (22° posto) che era in lotta per la 6a/7a posizione. Gli altri italiani fuori dai punti: 16° Andrea Locatelli e 28° Federico Fuligni. Grande paura nei primi giri con le cadute a curva 15 di Lorenzo Baldassarri e Takaaki Nakagami, con l’italiano che in staccata perde il controllo della sua moto e travolge il giapponese, sfortunatissimo nel contatto. Fortunamente non c’è stata nessuna conseguenza per i piloti che si sono rialzati e si sono chiariti. Ritirati anche Stefano Manzi e Danny Kent.

CLICCA QUI PER VEDERE LE CLASSIFICHE MONDIALI AGGIORNATE DELLA MOTO2