Diamo i numeri per l’#AmericasGp: Marquez inarrivabile, Rossi e Pedrosa gran gara, disastro Vinales. Morbidelli e Fenati imprendibili in Moto2 e Moto3

La terza tappa del Motomondiale ad Austin ci ha regalato una grande Italia in tutte le classi, con due vittorie in Moto2 e Moto3 (Morbidelli e Fenati) e un nuovo leader del mondiale in MotoGP, ovvero Valentino Rossi. Ecco a voi le pagelle del weekend texano!

MotoGP

Marc Marquez: 10 Ormai è ufficialmente Capitan America!! Nove vittorie su Nove nei gp disputati negli Stati uniti e cinque su cinque ad Austin. Intelligente ad inizio gara nel gestire le gomme, per poi salutare la compagnia a metà gara! E’ tornato il “Marcziano”!

Valentino Rossi: 9 Ormai il Dottore non ci sorprende più. Weekend più normale del solito, con ottime prove e gara molto costante ed efficace stando sempre coi primi e giungendo secondo dopo un sorpasso incredibile su Pedrosa. A 38 anni è il nuovo leader del Mondiale!! Chapeau!

Daniel Pedrosa: 9 Finalmente è tornato! Ad Austin Dani ha tirato fuori una grinta mai vista in questi primi GP. Gran prima parte di gara e bella lotta col compagno di squadra Marquez. Si arrende poi anche a Rossi solo nel finale. Ritrovato!!

Crutchlow-Zarco: 8 Bravi e combattivi i due piloti privati Honda e Yamaha. L’inglese ripete la buona prestazione dell’Argentina arrivando a sorpassare a due giri dalla fine il francese che, dopo una prima parte di gara eccezionale, si fa sorprendere da Cal arrivando comunque 5° e dimostrando di essere uno dei talenti più limpidi della MotoGP.

Dovizioso-Iannone-Petrucci: 6 Non male la gara degli altri tre italiani della MotoGP, anche se molto distanti dalla vetta. Dovizioso gara solitaria in 6° posizione, mentre sia Iannone sia Petrucci effettuano grandi recuperi dalle retrovie, arrivando rispettivamente 7° e 8°. Così però non si va lontano…

Vinales-Lorenzo: 4 Stesso voto per motivi diversi ai due spagnoli. Vinales ha buttato via un probabile podio e la vetta del mondiale con una scivolata evitabile. Lorenzo invece dopo una buona partenza viene risucchiato dal gruppo e finisce solo 9°. Lui e la sua Ducati sono in caduta libera, bisogna che in Europa cambi marcia.

Gli altri: Miller e Folger fanno una gara discreta chiudendo 10° e 11°. Anonima la gara di Redding e dei tre spagnoli alle sue spalle, ovvero Rabat, Barbera e Bautista. Quest’ultimo nonostante una caduta arriva davanti a Smith, dimostrando che la KTM è ancora una moto acerba. Aprilia invece totalmente assente.

Moto2

Franco Morbidelli: 10 Irresistibile. Il Morbido si dimostra ancora una volta il più forte della categoria e vince una gara controllata all’inizio e dominata da metà in poi. Tre su tre e leadership del mondiale sempre più salda. La domanda è: chi potrà fermarlo in Europa?

Luthi-Nakagami: 8 Lo svizzero si conferma ancora sul podio e pare essere l’unico a poter mettere in difficoltà Morbidelli. Nakagami bella gara chiusa 3° ma dal giapponese ci si aspetta un altro passo avanti.

Gli altri: Gara concreta di Marquez dopo la caduta in Argentina e buon 4° posto. Bene Aegerter e Oliveira (5° e 6°). Non male anche gli italiani Corsi e Marini, rispettivamente 7° e 10°. Bagnaia fuori dalla zona punti solo 16°, mentre male Pasini che butta via la gara nei primi giri dopo essere partito 2° in griglia. Aspettiamo una rivincita subito a partire da Jerez.

Moto3

Romano Fenati: 10 Tattica, esperienza, velocità: è tornato il caccia bombardiere ascolano. Intelligente a mettere sotto pressione il favorito Canet fino a indurlo all’errore. Gran passo poi per vincere in solitudine. La riscossa italiana in Moto3 inizia da Austin.

Martin-Di Giannantonio: 8 Ottima gara dei due piloti del team Gresini che arrivano entrambi sul podio dopo essersi sorpassati molte volte nell’arco della gara. Iniezione di fiducia in vista dei Gp europei.

Canet-Mir: 5 I due grandi favoriti restano a bocca asciutta. Canet butta via un weekend da dominatore esagerando fino a cadere alla 19, mentre Mir è irriconoscibile rispetto alle due affermazioni in Qatar e Argentina e chiude solo 8°. Ci si aspetta una reazione immediata a Jerez.

Gli altri: Grande Italia in Moto3. Infatti non solo Fenati e Di Giannantonio sul podio, ma hanno fatto una grande prestazione anche Bastianini quarto e Bulega quinto. In top ten buona gara di Guevara e Darryn Binder mentre un po’ sottotono Mcphee ed Oettl dopo la buona prova in Argentina. A punti ma lontani dalla vetta Migno ed Antonelli, solo 12° e 14°.

Vedremo cosa succederà nel primo GP europeo della stagione, ovvero Jerez de la Frontera!!