MotoGP 2018: la Thailandia è pronta per ospitare il suo GP!

Stavolta ci siamo. Dopo anni di trattative e ritardi, la Dorna pare aver raggiunto finalmente un accordo con la Sports Authority della Thailandia per ospitare un GP del motomondiale al Chang International Circuit di Buriram. Secondo unaa fonte locale (il Bangkok Post) ci sarebbe già stata la firma in occasione del GP d’Italia e sarebbe stipulato un contratto su una base triennale (dal 2018 al 2020). In ogni caso, manca davvero poco per l’ufficialità di un GP che dovrebbe essere posizionato (sempre secondo le fonti locali) nel week-end tra il 5 e il 7 ottobre del 2018, andando così ad anticipare (o a spezzare) la tripletta asiatica Giappone-Australia-Malesia.

Il Chang International Circuit è stato inaugurato il 4 ottobre 2014 ed è stato il primo tracciato thailandese a ricevere il Grado 1 dalla FIA e il Grado A dalla FIM, che risultano essere le più alte valutazioni in merito alla qualità del tracciato. Misura 4554 metri con 12 curve, di cui alcune molto tecniche e 2 lunghi rettilinei dopo la prima curva e curva 3. Il circuito ospita dal 2015 le tappe del campionato mondiale Superbike (clicca per il report di Gara 1 e Gara 2 di quest’anno, entrambi vinti da Rea), mentre la World Supersport Championship corre qui dal 2016 (la gara di quest’anno è stata vinta da Caricasulo). Inoltre si sono corse gare anche della TCR International Series e della WTCC, insieme alla Porsche Carrera Cup Asia, la Super GT giapponese e la serie Le Mans asiatica.

Sempre secondo il Bangkok post, il motomondiale potrebbe avere 20 tappe per il prossimo anno. Infatti la Dorna sta attendendo una conferma da parte delle autorità finlandesi per il loro GP al Kymiring. Tuttavia sembra che anche il Kazakistan abbia espresso il proprio interesse ad essere aggiunto nel calendario del 2018.