MotoGP, le ultime novità dal mercato piloti

Bautista verso il ritorno in Aprilia, Petrucci resterà in Pramac

Dopo l’appuntamento del Sachsenring, nono della stagione, la MotoGP giungerà alla sua metà campionato, viste le diciotto tappe iridate totali. Nonostante manchino ancora nove gare al termine dell’annata 2017, i team stanno iniziando ad attrezzarsi in vista della stagione 2018, riversandosi sul mercato per cercare piloti a cui affidare le selle delle rispettive squadre. La prima a muoversi è stata l’Aprilia, delusa dai risultati di Sam Lowes e perciò costretta a cercare un sostituto del britannico. Le probabilità per Lowes di restare nella classe regina sono minime, ma non impossibili. Infatti, il Team Manager Aprilia, Romano Albesiano, ha sottolineato il fatto che il britannico avrà la sua ultima occasione al Gran Premio di Germania, dove in caso non riuscisse ad impressionare positivamente il team, non avrebbe più chanches di permanenza in MotoGP. In questo caso, Albesiano, sonderebbe il terreno per il ritorno di fiamma di Alvaro Bautista, attualmente in forza al Pull&Bear Aspar Team e dodicesimo in classifica grazie ai 34 punti iridati ottenuti fino ad ora. La volontà del Gruppo Piaggio, però, era quella di pescare dal mercato un pilota italiano. Le alternative erano due: la prima riconduceva al nome di Danilo Petrucci, attualmente in forza al team Pramac, con il quale ha trovato il giusto assetto e la giusta affidabilità, come dimostrano i due podi del Mugello e di Assen. Perciò il pilota ternano, con ogni probabilità, resterà nel proprio team attuale. La seconda alternativa per l’Aprilia, invece, riconduceva al nome di Andrea Iannone, ma lo stesso pilota vastese ha smentito le voci di mercato, dichiarando di voler rispettare i due anni di contratto rimasti con la Suzuki. Per quanto riguarda i top riders, tutti resteranno nel proprio team attuale.