Rossi salterà il GP del Mugello?

Dopo la brutta caduta in allenamento della settimana scorsa, la presenza di Valentino Rossi al GP del Mugello è in forte dubbio.

I medici, infatti, non hanno ancora sciolto le riserve in merito alle condizioni reali del campione pesarese, che sembra ancora accusare fortissimi dolori addominali.
Sembra infatti che i dolori addominali siano tipici delle cadute da motocross per via della conformazione della moto e della postura del pilota. Fratture e traumi gravi erano già stati esclusi il giorno della caduta, ma è inutile dire che un duro colpo provoca dolori per diversi giorni.

C’è comunque da sperare bene per domani, quando i medici decideranno se permettere a Valentino di scendere in pista per il GP del Mugello o no.
Tuttavia, non c’è da dimenticare che “Il Dottore” deve sottoporsi anche ai severi test medici della FIM, dove i medici della federazione decideranno se dichiarare Rossi “fit” o “unfit”. Quindi, anche se i medici dovessero dare l’ “ok” a Valentino per scendere in pista, la Medical Commission della Federazione potrebbe decidere di fermare il pesarese.
Nella peggiore delle ipotesi, Valentino non potrà salire in sella alla sua M1 nemmeno per fare un giro di pista.

Valentino però è fortemente spinto dalla voglia di riscattare l’errore nel GP di Francia: dopo la brutta caduta di Le Mans, dove era in lotta per la vittoria con il compagno di squadra Maverick Vinales, Rossi ha perso la testa della classifica, scivolando in terza posizione e venendo scavalcato proprio dallo stesso Vinales e da Pedrosa.

Non c’è da dimenticare che lo scorso anno Valentino prese un pesantissimo ‘zero’ al Mugello a causa della rottura del motore, quindi quest’anno è facile capire come voglia essere a tutti i costi in pista.

Lo stesso Rossi ha dichiarato: “Le mie condizioni stanno migliorando giorno dopo giorno e questo mi fa pensare che potrò esserci. il mio desiderio è di esserci e sto facendo fisioterapia per essere alla partenza del GP del Mugello. Non sarà facile, domani i medici faranno dei controlli e nel caso mi daranno l’ok per correre”