A tu per tu con: Adaco, il creatore dei MiniDrivers

Ci siamo. La nuova stagione del motorsport sta per cominciare(a parte WRC e FE) e con essa tra poco ricomincerà una storica serie che da anni racconta il lato divertente delle corse. Sono i MiniDrivers, un portale dove tramite video e fumetti raccontano con il loro stile i momenti salienti delle gare di F1, MotoGP e FE.
Il Sito Web dei MiniDrivers
Questa serie ha cominciato nel 2008 e con il passare degli anni è diventata sempre più popolare nel territorio locale e ovunque. Adaco, lo spagnolo creatore dei Minis ha speso qualche minuto con tuttomotorsport.com per parlarci del passato, presente e futuro dei Minis e delle corse in generale. Siete pronti? E allora come direbbe Carlo Vanzini: “Su i motori! 1! 2! 3! 4! 5! Allo spegnimento, il via del Gran Premio e… VIA, SONO PARTITI!
F1 Canada 2016: Vettel passa in testa alla partenza sopravanzando le 2 Mercedes di Hamilton e Rosberg prima che si tocchino in Curva 1.
Andrea: Per chi non ti conoscesse ancora presentati e dì ciò che fai:

Adaco: Il mio nome è Antonio, ma tutti mi conoscono come Adaco. Sono il creatore di tre serie chiamate Minidrivers, MiniBikers e MinEDrivers, che porta i punti salienti della F1, MotoGP e Formula E, rispettivamente con cartoni animati divertenti e simpatici.

Andrea: Hai iniziato la serie nel 2008 con la Formula 1 e con il passare degli anni hai ottenuto sempre più visualizzazioni e popolarità in tutto il mondo. Beh ci può descrivere come erano i primi anni dei minidrivers?

Adaco: Devo confessare che i primi anni della serie erano un po’ difficili, in quegli anni non avevo esperienza nell’animare e le risorse che ho avuto erano poche, ma ogni anno che passava accumulavo più esperienza ed è stato più facile per me rendere i capitoli.

Andrea: E ora sei anche uno dei simboli della Formula E, uno dei nuovi campionati di corse con le auto elettriche! Come ci si sente sapendo che più fan (me compreso) stanno iniziando a guardare la FE grazie anche ai TUOI video?
FE Parigi 2016: un simpatico cameo tenuto dai Minis dove Bird, Buemi, Prost e Vergne ballano il Can-Can con l'EJ. Adaco è venuto a vedere la corsa dal vivo.
Adaco: E’ bello sentirmelo dire perché quando avevo nella mente la creazione della terza serie ho avuto tanti campionati in mente, in particolare quelli provenienti dall’ America, ma ho voluto scommettere per qualcosa con il futuro e ho pensato che la Formula E era il modo migliore perché ho visto come la possibilità di mostrare a tutti che il motorsport può essere anche “diverso” ed è una scommessa per il futuro.

Andrea: E parlando di futuro, hai detto che sei pronto a sacrificare una delle tue 3 serie per farne una sulla IndyCar…

Adaco: Non esattamente, ho detto che nel caso in cui vorrei creare un’altra serie, quello che vorrei fare è quello di uccidere un’altra serie perché non riesco a tenere più il design e l’animazione da solo.
Una concept fatta da Adaco che illustra una IndyCar stile MiniDrivers.
Andrea: Ma la tentazione è forte, vero?

Adaco: Non è un segreto che voglio fare una serie americana e condividere i miei fumetti dall’altra parte del mondo, ma posso ancora aspettare per questo.

Andrea: Ok, i tuoi fans ancora chiedono più minis e più serie, ma gli rispondi sempre che non hai il tempo. Può descrivere la sua situazione?

Adaco: Ogni anno che passa ho meno tempo nella mia vita a causa mia del mio lavoro. Io lavoro di notte in un ospedale e ogni anno ho più notti di lavoro, che significa che non posso avere il tempo per più cose, specialmente nella mia vita sociale, e la serie mi ha sempre preso 3 giorni della mia vita (Domenica, Lunedi e Martedì), immaginate quando devo fare 3 capitoli nella stessa settimana come sto vivendo, ecco perché ho detto che ho meno tempo, ma la cosa divertente è che alcune persone ancora non capiscono se si lavora di notte , vivere la mia vita e fare i cartoni animati, quanto tempo ho passato a pelo.

Andrea: Andiamo ora sulla MotoGP: un grande sport con grandi gare e grandi battaglie che rischia di essere rovinato per la “guerra” tra Rossi e Marquez per i fatti avvenuti nel 2015. Ora posso chiamarla una “pace forzata”, ma il fatto che coinvolgono anche 2 grandi nazioni per il Motorsport come l’Italia e la Spagna ti chiedo… qual è il tuo punto di vista su tutto questo?
MotoGP Valencia 2015: Lorenzo taglia il traguardo per primo diventando Campione del Mondo davanti a Marquez e a Pedrosa. Rossi finirà quarto dopo essere partito ultimo, e qui si vede che i suoi pensieri non siano buoni verso Marc.
Adaco: Questa è una domanda molto delicata perché siccome sono spagnolo si può immaginare il mio punto di vista. Non voglio mentire se dico che prima della “guerra” che ha iniziato Rossi durante la conferenza stampa prima del GP della Malesia volevo che lui per vincere il suo 10° titolo, ma a guardare come era irrispettoso con gli spagnoli durante la conferenza stampa ho cambiato punto di vista di lui. Per me Marquez non stava cercando di aiutare Lorenzo (prima di quella gara) perché durante il GP Australia Marquez ha superato Lorenzo e ha vinto la gara, e se si vuole aiutare qualcuno penso che non dovrebbe prendere punti che potrebbero essere utili per lui, ma sono sicuro che dopo quello che è successo in Malesia e di come certa stampa italiana era con Marquez, sono sicuro che ha detto che non voleva aiutare chi era il suo eroe e ora stava distruggendo la sua immagine e se ha aiutato Lorenzo a Valencia per me non sarebbe un problema, perché se allo stesso modo gli spagnoli potrebbero aiutare l’un l’altro, abbiamo visto come i piloti italiani stavano aiutando l’un l’altro troppo ma era qualcosa che era chiaro che stava per accadere. Ero davvero dispiaciuto perché per me è stata una grande battaglia durante quella stagione e sono sicuro che se Valentino non avesse cercato di fare la campagna contro gli spagnoli e si fosse concentrato sulla pista, avrebbe vinto il suo 10° titolo mondiale.

Andrea: Di certo questi fatti non possono essere dimenticati così facilmente e il rischio di uno sport in cui si insulta a chi corre di più di 300 chilometri all’ora su 2 ruote (fischi dei nostri tifosi quando Lorenzo o Marquez salgono sul podio) è reale?
MotoGP Italia 2016: Lorenzo si porta in testa alla prima curva sorprerdendo Rossi. I tifosi qui fanno i BOO a Jorge.
Adaco: Questo è qualcosa che anche a me non mi è mai piaciuto, ma questo era qualcosa che ero contrario da quando ho iniziato a guardare la MotoGP nel 2010. Mi ricordo l’anno orribile quando Simoncelli è morto dopo che il GP di Francia, quando Marco si è schiantato con Pedrosa, gli spagnoli qui avevano detto che era un assassino e volevano la sua morte, e non mi piace perché non si sa mai cosa potrebbe accadere, e ora tutti stanno mancando uno dei più grandi piloti che l’Italia ci ha dato negli ultimi anni. Ora lo stesso sta accadendo con Marquez ed è qualcosa che io non voglio vivere di nuovo, anche qui in Spagna c’è una grande rivalità tra i tifosi spagnoli (Marquez-Lorenzo-Viñales e comprendono Rossi qui) , a loro non piace l’un l’altro, ma si può vedere che qui c’è un grande rispetto quando sono in pista, e forse non piacerà la vittoria del loro rivale, ma li rispetteranno, ed è qualcosa che la gente deve guardare.

Andrea: Ma alcuni fatti positivi della MotoGP non sono mancati nello scorso anno: ad esempio, le vittorie della Ducati in Austria(Iannone) e in Malesia(Dovi), l’incredibile vittoria di Miller in una Assen folle e le 2 vittorie per Cal Crutchlow a Brno e Phillip Island. Cosa ne pensi?
Un'immagine fatta dai MiniDrivers che elenca tutti i 9 vincitori della MotoGP 2016 ballare il Mambo. Da sinistra a destra troviamo: Dovizioso, Iannone, Lorenzo, Rossi, Miller, Marquez, Pedrosa, Crutchlow e Vinales.
Adaco: Questo era qualcosa che ho amato ed è speciale per il motorsport: vincitori diversi e un campionato aperto. Forse sappiamo che la battaglia è sempre tra Honda e Yamaha, ma guardando un altro pilota sul gradino più alto del podio è qualcosa che è sempre bello.

Andrea: E ora parliamo di Formula 1: stiamo parlando dopo i primi 2 giorni del 1 ° test e Mercedes e Ferrari sembrano forti rispetto ad altre squadre sia per i tempi che per giri completati. Qual è il tuo parere dopo questi test che tu stai guardando da Barcellona?
Una foto presa da Adaco mentre riprende i test F1 a Barcellona. Qui Ocon ferma la sua Force India VJM10 causando una bandiera rossa.
Adaco: Che non dovremmo prendere conclusioni circa il test, tutti provano cose diverse, l’unica conclusione che dobbiamo prendere per ora è che la Ferrari e Mercedes hanno una grande affidabilità con i loro motori, ma non si può dire chi è in cima, perché tutto può cambiare la prossima settimana, e di nuovo in grado può cambiare in Australia.

Andrea: Ma tutti sperano in grandi battaglie, grandi gare, ma più di tutto… più di 1-2 squadre in grado di lottare per il campionato. Possiamo aspettarci questo per il 2017?

Adaco: Sarà difficile da dire, specialmente dopo due giorni di test, ma penso che sarà simile agli ultimi anni, con un top team e il resto della griglia che cercherà di inseguirla.
F1 Abu Dhabi 2016: Hamilton guida la gara a pochi giri dalla fine, ma spera anche che Rosberg perda le posizioni su Vettel e Verstappen. Nico arriverà secondo, quanto basta per diventare campione del mondo.
Andrea: Credo che tu stia parlando del top team come una freccia d’argento, o no?

Adaco: Mmmm chissà. Sono sicuro che Mercedes nasconde più velocità, ma anche la Red Bull per me nasconde qualcosa, perché questa pinna di squalo non è quello che useranno perché una squadra che ha particolare cura del design che hanno tagliato il toro… è qualcosa di strano, e la Ferrari sa dove realmente sono, ma sembrano più vicini.

Andrea: Ritorniamo sulla tua serie, perché ora stai facendo anche una rubrica storica con le più grandi gare a partire dal 2000 nel 2010 in F1 e MotoGP. Si chiama MiniVintage, e andremo a vedere più di questi video attuali?
F1 San Marino 2006: M.Schumacher e Alonso pronti a riprendere la storica battaglia dopo una bandiera gialla causata dal ritiro di Ide. Spettatore Klien.
Adaco: Ovviamente. Per ora ci sono ancora due capitoli e per la prossima stagione le persone decideranno quali saranno effettuati in mini versione, ma come in questa stagione, sarà tra il 2000 e il 2010.

Andrea: Stai pensando di fare gare storiche anche per gli anni 90?

Adaco: Non adesso, per fare gli anni ’90 devo fare le griglie piene di quegli anni, e come ho spiegato, non ho tempo di fare che.

Andrea: Ultima domanda… come ti aspetti il ​​futuro della tua serie? Perché ora vai anche alle gare e nei box del paddock delle squadre vere. Dunque, quali sono i tuoi piani (lei ha parlato di un film di qualche tempo fa)?
Non solo video e fumetti, i MiniDrivers sono anche un videogioco per mobile creato da Ivanovich Games
Adaco: Per ora mi concentrerò su questa stagione, perché l’anno prossimo la serie farà 10 anni, e per me sarebbe stato l’ultimo anno per i minidrivers. Io ancora non so cosa accadrà, ma se continuo ad andare avanti mi piacerebbe fare qualcosa di più grande, ma il film, che era nella mente, ed è stato il modo per dire addio alla serie, è stata annullata a causa degli “haters” due anni fa.

Andrea: È tutto. Grazie Adaco

Adaco: Prego
Da sinistra a destra: MiniGirl, MiniDriver, Dark Mini e MiniProf.
Le immagini sono di proprietà della MiniDrivers(c), MiniBikers(c) e MinEDrivers(c). Tutti i diritti riservati.