Supersport – Australian Round Preview

Come di consueto, l’inizio del mondiale Superbike sarà affiancato da quello del mondiale Supersport, classe di mezzo del WorldSBK riservata alle 600cc derivate dalla serie. Quella che inizierà in Australia sarà una stagione molto interessante e combattuta e i colpi di scena non mancheranno.

Anzi, ce n’è già stato uno! Kenan Sofuoglu, cinque volte Campione del Mondo Supersport e attuale detentore del titolo, dovrà rinunciare ai primi due round stagionali a causa dell’infortunio rimediato un mese fa mentre si allenava con la supermotard. Si sperava che il turco potesse prendere parte alla gara di Phillip Island, ma dopo i due giorni di test svoltisi a inizio settimana il pluricampione turco ha deciso di rinunciare al round australiano e anche a quello che avrà luogo a Buriram (Thailandia) tra due settimane.

L’infortunio di Sofuoglu spiana la strada ai suoi principali avversari e tra questi c’è l’americano Patrick Jacobsen, passato alla MV Agusta dopo un anno e mezzo con Honda e sempre più a suo agio in sella alla F3 della casa di Schiranna. Un altro serio candidato alla vittoria del primo round stagionale è Jules Cluzel, vicecampione 2016, tornato alla Honda dopo tre stagioni con MV e in crescita con la CBR600RR del team CIA Landlord Insurance.

“PJ” e Jules, però, non saranno soli e tra le curve e i saliscendi di Phillip Island dovranno affrontare altri piloti di talento tra cui Federico Caricasulo e Lucas Mahias, scelti dal GRT Racing Team per portare in pista la nuova Yamaha YZF-R6 con cui la casa dei tre diapason ha deciso di tornare nel WSS. Oltre al velocissimo duo del team di Mirko Giansanti, il costruttore giapponese potrà contare anche sul finlandese Niki Tuuli, autore di buone performances nei test e in grado di chiudere al secondo posto tutte e tre le gare a cui ha partecipato come wildcard l’anno scorso.

Tra i clienti scomodi possiamo menzionare anche il britannico Luke Stapleford, buon sesto alla fine dei test in sella alla nuova Triumph Daytona 675R del team Profile Racing. “Lucra” è cresciuto molto durante la scorsa stagione e non va assolutamente sottovalutato nella lotta per il podio. Oltre a lui vanno tenuti d’occhio altri tre inglesi e i loro nomi sono Kyle Smith (passato al Team Lorini e vincitore di due gare l’anno scorso) Kyle Ryde (pupillo di Jonathan Rea ingaggiato dal team Puccetti Racing) e Gino Rea (passato alla Kawasaki del team Go Eleven dopo un anno con la MV Agusta).

Oltre al già citato Caricasulo, ci sono altri piloti italiani che possono ben figurare e il Bel Paese può contare su Michael Canducci (Kawasaki Puccetti Racing), Alex Baldolini (MV Agusta Race Department ATK #25) e Christian Gamarino (Bardahl Evan Bros. Honda Racing Team). Nei test è stato velocissimo Roberto Rolfo, autore del secondo miglior tempo con la MV del Team Factory Vamag dietro solo a Jacobsen, ma la partecipazione del veterano torinese alla prima gara stagionale è seriamente a rischio a causa della lussazione alla spalla sinistra rimediata martedì. Da monitorare anche la crescita di Davide Pizzoli, giovane pilota romano ingaggiato dal team di Baldolini che si sta piano piano adattando alla 600cc dopo alcune stagioni nel CEV Moto3.

In conclusione vi consigliamo di tenere d’occhio la wildcard d’eccezione Anthony West, pronto a scendere in pista con una Yamaha per bissare il podio ottenuto esattamente un anno fa. Il pilota di Maryborough è riuscito a procurarsi il budget necessario per essere al via delle prime due gare stagionali e ha tutte le carte in regola per dare fastidio ai piloti impegnati a tempo pieno nella categoria. La speranza, comunque, è che l’australiano riesca a trovare una sella per tutta la stagione dopo i buonissimi risultati ottenuti l’anno scorso in SBK col Team Pedercini.

Ecco la entry list: http://resources.worldsbk.com/files/results/2017/AUS/SSP/L1A/RID/Entry.pdf?version=cfcd208495d565ef66e7dff9f98764da