Supersport – Jacobsen davanti a tutti dopo la prima giornata

Le prime due sessioni di prove libere del mondiale Supersport 2017 hanno visto davanti a tutti l’americano Patrick Jacobsen. Il pilota newyorkese, ormai a suo agio in sella alla MV Agusta, è stato il più veloce in entrambe le sessioni e nella prima ha fatto segnare un ottimo 1’33”087 inavvicinabile per tutti gli altri.

Ma se nelle FP1 aveva rifilato più di mezzo secondo al suo primo inseguitore (il nostro Federico Caricasulo), nel pomeriggio australiano “PJ” ha fatto segnare un best lap in 1’33”318 che gli ha permesso di chiudere in testa anche le FP2, ma con un vantaggio decisamente più basso sugli inseguitori. Jules Cluzel (CIA Landlord Insurance Honda) ha infatti stampato un 1’33”467 che lo ha collocato al secondo posto nelle FP2 e nella classifica combinata con un tempo di ben sette decimi più basso rispetto a quello fatto segnare nella prima sessione.

Jules Cluzel

Al terzo e quarto posto si sono collocati i due alfieri Yamaha GRT Federico Caricasulo e Lucas Mahias.  Da segnalare che il pilota francese è finito a terra in ben due occasioni: la piccola caduta alla curva 4 della mattinata è stata poi seguita, nel pomeriggio, da un brutto highside alla curva 3 che ha portato a una breve interruzione con bandiera rossa delle seconde prove libere e dal quale Mahias è uscito con alcuni ematomi.

Caricasulo in azione

A chiudere la top 5 della combinata troviamo un grandioso Roberto Rolfo. Il quasi 37enne torinese del Team Factory Vamag ha chiuso al quarto posto entrambe le sessioni facendo segnare tempi competitivi nonostante la lussazione alla spalla sinistra rimediata martedì durante i test.

Al sesto posto troviamo il giapponese Hikari Okubo, già miglioratosi di nove decimi rispetto alla Superpole dell’anno scorso, mentre a chiudere la top 10 sono un buonissimo Alex Baldolini e gli inglesi Gino Rea, Luke Stapleford e Kyle Smith.

Per quanto riguarda le qualifiche, ricordiamo che a partire dall’anno scorso la Supersport ha adottato lo stesso format della Superbike. Pertanto anche nella classe di mezzo del WorldSBK vedremo le due Superpole e i primi dieci classificati accederanno direttamente alla SP2. In questo caso vanno alla Superpole 2 Jacobsen, Cluzel, Caricasulo, Mahias, Rolfo, Okubo, Baldolini, Rea, Stapleford e Smith, ai quali si affiancheranno i primi due classificati della Superpole 1 (a cui accedono i piloti dall’11° posto in giù).

Tra chi dovrà giocarsi gli ultimi due slot disponibili per l’attacco alla pole position troviamo gli italiani Michael Canducci, Christian Gamarino e Davide Pizzoli, coi primi due che hanno chiuso il venerdì undicesimo e dodicesimo e hanno concrete chances di accedere alla SP2. Il pilota romano, invece, ha vissuto una giornata difficile condizionata anche da una caduta nella seconda sessione.

La lista dei piloti che prenderanno parte alla SP1 include anche il duo Kallio Racing (Niki Tuuli e Sheridan Morais, entrambi vittime di alcuni problemi tecnici), il malese ex-Moto3 Zulfahmi Khairuddin (alla sua seconda stagione con la Kawasaki del team Orelac Racing VerdNatura), Kyle Ryde e l’ex-Moto2 Robin Mulhauser.

Anche Anthony West dovrà passare per la Superpole 1! Oggi “The Rain Man”, wildcard di lusso, è riuscito a percorrere solamente due giri a causa di problemi tecnici alla sua Yamaha R6 e quindi dovrà sperare che domani e domenica fili tutto per il verso giusto se vuole ripetere il podio ottenuto un anno fa. Per quanto riguarda l’altra wildcard locale al via, Matthew Edwards, il 45enne (!) non è ancora riuscito a ottenere la qualifica ed è stato anche protagonista di una brutta caduta alla curva 7 dopo la quale è stato portato al centro medico.

Ecco la classifica combinata delle prove libere di oggi: http://resources.worldsbk.com/files/results/2017/AUS/SSP/L2A/RIE/Qualifying.pdf?version=cfcd208495d565ef66e7dff9f98764da

Photo Credit: www.worldsbk.com