Supersport – Kyle Smith chiude il venerdì in testa

Nella mattinata italiana, due settimane dopo dalla pazzesca gara di Phillip Island, i piloti del mondiale Supersport sono tornati in pista per il secondo round stagionale e hanno svolto le prime due sessioni di prove libere sul tracciato thailandese di Buriram.

A chiudere entrambe le sessioni al primo posto è stato Kyle Smith. Il portacolori del Team Lorini ha portato la sua Honda davanti a tutti con un miglior tempo di 1’38”259 che è già inferiore al tempo con cui l’anno scorso Jules Cluzel aveva conquistato la pole position. L’anno scorso l’inglese fu quinto con la Honda del team CIA Landlord Insurance ed è già chiaro come quest’anno punti al bersaglio grosso, anche per rilanciarsi dopo lo “zero” rimediato in Australia.

Al secondo posto della combinata troviamo la Yamaha dell’ottimo Decha Kraisart, a soli 150 millesimi da Smith grazie alla sua bravura e all’ottima conoscenza del tracciato. Quinto l’anno scorso nel campionato asiatico Supersport 600cc grazie anche a due vittorie e due secondi posti, il 36enne thailandese sembra in ottima forma e punta sicuramente a regalare una bella performance al pubblico amico dopo aver chiuso all’11° posto sia un anno fa, sia nel 2015. Il pilota di Saraburi, tra l’altro, ha anche partecipato a due gare del mondiale Moto2.

Al terzo posto troviamo il francese Lucas Mahias, secondo a Phillip Island. Il francese è alla sua seconda gara sul Chang International Circuit, dove due anni fa ottenne un buon 4° posto con la Kawasaki del team Intermoto PonyExpress, e ha tutte le carte in regola per poter far bene anche domenica.

Giù dal podio virtuale troviamo Jules Cluzel e Patrick Jacobsen, vogliosi di riscatto dopo un round inaugurale conclusosi in modo amaro per entrambi. Il francese della Honda pare essersi ripreso dalla frattura dell’osso sacro rimediata due settimane fa e si è fermato a soli due decimi dal compagno di marca Smith, mentre l’americano della MV Agusta ha chiuso quinto ed è stato il migliore tra i piloti in sella alla F3 della casa di Schiranna.

Sesto posto, a soli 7 millesimi da “PJ”, per l’altra wildcard locale Chalermpol Polamai. Il compagno di squadra di Kraisart, con un gettone di presenza nel mondiale Moto2 risalente al GP del Giappone 2014, è stato veloce in entrambe le sessioni di prove libere e non è da escludere che anche lui possa regalare soddisfazioni ai tifosi locali.

A chiudere la top 10 della classifica combinata di oggi troviamo Hikari Okubo (ripresosi dalla frattura della clavicola rimediata in Australia), Christian Gamarino (primo degli italiani con la Honda del team Bardahl Evan Bros.), Kyle Ryde (ottimo 4° due settimane fa) e Gino Rea.

Il primo dei piloti che dovranno passare per la SP1, e quindi giocarsi gli ultimi due posti disponibili per l’attacco alla pole position, è Federico Caricasulo con la seconda Yamaha ufficiale del team GRT Racing. Roberto Rolfo, vincitore a Phillip Island, è addirittura 21° alle spalle di Thitipong Warokorn, sostituto dell’infortunato Kenan Sofuoglu per questo round. 18° posto per Alex Baldolini, che durante la FP2 è caduto alla curva 6 ed è stato portato al centro medico. Per chiudere il discorso legato ai piloti italiani segnaliamo il 12° posto di Michael Canducci e il 25° di Davide Pizzoli.

UPDATE: Alex Baldolini KO. Nella caduta di oggi il pilota romagnolo ha rimediato la frattura scomposta della caviglia sinistra e una profonda abrasione al dito anulare della mano sinistra e quindi dovrà dare forfait per questo weekend e forse anche per il round del Motorland Aragon previsto fra tre settimane. Buona guarigione, Alex!

Ecco la classifica combinata di oggi: http://resources.worldsbk.com/files/results/2017/THA/SSP/L2A/RIE/Qualifying.pdf?version=f5ce16e33f654145929c9944ecfc8451

Photo Credit: www.worldsbk.com