Bruni lascia la Ferrari e passa alla Porsche!

Il romano Gimmi Bruni e la Ferrari sono giunti al capolinea.

La decisione è stata resa pubblica dal pilota, che ha unilateralmente scelto di abbandonare il team di Maranello, con cui aveva altri 4 anni di contratto.

La scelta di Gimmi è ricaduta sulla Porsche, che attualmente sembra avere la macchina più performante, anche se per il futuro non si sa come la casa tedesca possa reagire alle eventuali novità che Corvette, Ford e Ferrari in primis introdurranno nel mondiale Endurance.

Proprio la Ferrari ha fatto di Bruni il pilota più vincente e pagato (500.000 euro l’anno) del mondiale endurance, facendo di Gimmi anche il pilota di punta degli equipaggi che ogni anno sono scesi in pista nelle varie competizioni.

Gimmi farà alcuni test con la Porsche 919 Hybrid del 2017, e sembra che possa essere un candidato per l’equipaggio che avrà il compito di tenere alto il nome di Porsche nella categoria LMP1 nel 2018.

Tuttavia, sembra che la concorrenza per un sedile in LMP1 sia davvero folta ed agguerrita e, sicuramente, con molta più esperienza di Gimmi al volante dei prototipi.

Il romano infatti, tenterà di contendere un turno di guida al volante della 919 Hybrid a Lotterer, Bamber e Tandy.

Anche l’età di Bruni potrebbe non essere a suo vantaggio, visto che nel 2018 avrà 36 anni.

Inoltre, l’esperienza di Gimmi in GTE potrebbe fare del romano oggetto del desiderio di Porsche solo per il programma GT, categoria in cui la nuova 919 RSR con motore centrale sembra poter dominare nei prossimi anni.

Per poter tirare le somme però, si dovrà aspettare il prologo del WEC, quando la ACO deciderà su chi far ricadere maggiormente la scure del BOP.

L’Organizzazione infatti, ha sempre prestato attenzione al bilanciamento delle prestazioni delle vetture in gara e, a testimonianza di questo, ci sono i risultati del 2016, anno in cui Ferrari, Aston Martin, Corvette e Porsche si sono spartite le varie vittorie ed i vari titoli in palio.