La Ferrari 488 GT3 trionfa alla 12 ore di Bathurst

Nella notte italiana si è tenuta la 12 ore di Bathurst, in Australia. Questa è una gara di resistenza molto dura, non solo per il tipo di circuito che presenta, ma anche per il fatto che per la maggior parte del tempo di gara si corra di notte, condizione che rende molto difficile soprattutto nelle curve cieche.

Stamattina la gara si è conclusa con la vittoria per la Ferrari #88 del team Maranello Motorsport col finlandese Toni Vilander e gli australiani Craig Lowndes e Jamie Whincup. Per la casa di Maranello è la seconda vittoria nella gara di resistenza australiana dopo quella ottenuta nel 2015, e arriva dopo una lotta nelle ultime ore con la Mercedes AMG #33 di Engel, Baird e Van Gisbergen.

Quest’ultimo è stato protagonista in negativo nell’ultimo run della squadra, prendendosi un drive through per aver causato un incidente contro una Porsche doppiata. Ma non è tutto, visto che il pilota poco dopo commeterà un errore nelle Esses, andando contro il muro e terminando cosi la corsa sua e quello di tutto il team tra rimproveri e rimpianti(Maro Engel si è infuriato pure in diretta TV per gli errori del suo compagno di squadra).

Dunque in seconda posizione ci va la Porsche #12 della Competition Motorsports nonostante un finale condito da incidente contro la Lamborghini #32(finirà al 7° posto) e drive through per Matt Campbell. Al terzo posto troviamo la Bentley #17 di Steven Kane. A vincere nella classe B è stata la Porsche #21 del team Steve Richards Motorsport composta da Grant, O’Keefe e Wall. Nella classe C una facile vittoria per la Porsche #19 della PROsport di Pilgrim, Braams, Viebahn e Moller-Madsen).