INCREDIBILE-Volkswagen si ritira dal WRC

Dopo la doccia fredda del ritiro di Audi dal WEC, la Volkswagen ritirerà anche la casa di Wolfsburg dalle competizioni rallystiche.

Già dallo scorso anno, quando c’era ancora Jost Capito, subito dopo lo Scandalo Emissioni, la notizia era nell’aria che Volkswagen correva fino al 2016 e poi chiudere l’attività del WRC, ma poi Volkswagen aveva negato con un secco “si corre fino al 2022!”.

test_volkswagen_polor_wrc_2017

Ad Aprile spunta fuori subito la nuova VW Polo R WRC con le regolamentazioni del triennio 2017/2018/2019, macchine più larghe,alettoni più grandi,più prese d’aria,ma sopratutto 60 Cv in più e 25 Kg in meno ,iniziano i Test senza stop sullo sterrato Spagnolo, Portogallo, Francia (asfalto), Nord Italia (Asfalto), al volante sempre Marcus Grönholm,iniziano i Test anche per i piloti Ufficiali, la nuova Polo viene portata ad ogni Rally del Campionato per provare più fondi possibili, il giusto metodo per sviluppare al meglio la nuova arma.

Subito dopo il Rally del Galles spuntano nuovamente i RUMORS, questa volta molto attendibili, il primo Novembre la Volkswagen si riunisce nella sede di Wolfsburg per decidere il loro destino. Arrivano le conferme da siti più che attendibili ed informati: la Volkswagen si ritira Ufficialmente dal World Rally Championship, dicono che non sarà affidata nessuna macchina a nessun Team privato.
Come abbiamo già visto, i tedeschi preferiscono schiacciare le vetture come hanno fatto con le Touareg Dakar per non condividere le loro tecnologie, ma il mondo del WRC spera che sia affidato tutto ad un Team privato per continuare a vedere in azione la Polo WRC.
Sui social non si legge altro. Una bomba per il mondo del WRC e tutti gli appassionati sono tristi, tutti aspettano l’Ufficialità di Volkswagen. A Gennaio 2016 Jost Capito, direttore generale di VW Motorsport, aveva annunciato il suo ritorno in F1 alla McLaren, lasciamdp il WRC dal Rally di Germania con un’ottima vittoria di buona uscita promessa e mantenuta dai Campioni Seb e Julien.

Forse Jost aveva Capito tutto, ed è andato verso un posto sicuro.

Mercoledì 2 Novembre 2016, Volkswagen Motorsport ha annunciato il ritiro Ufficiale dal mondo del WRC.

Sembra impossibile, eppure è così. Sarebbe stato bello vedere lo scontro fra i titani Volkswagen e Toyota, ma è uno scontro che non vedremo mai.
I 14 miliardi di dollari che la casa di Wolfsburg dovrà pagare in America, si fanno sentire notevolmente in bilancio, e questo ha causato la chiusura di un altro programma motorsport: quello di Volkswagen WRC.

Dopo anni (soprattutto gli ultimi quattro) di trionfi sia in campionato costruttori che in campionato piloti, la Volkswagen è costretta a feramre il suo programma WRC, lasciando a piedi i tre equipaggi.
Senza metterci a discutere del valore di piloti e navigatori, cerchiamo di capire dove potrebbero accasarsi Ogier, Mikkelsen e Latavala.

Per il 4 volte campione del mondo non dovrebbe essere trovare una sistemazione, visto che la Citroen (casa che lo ha lanciato) troverebbe subito una vettura per lui e per il suo copilota Julien Ingrassia. Tuttavia, i grandi preparativi di Toyota potrebbero portare i pluricampioni ad accomodarsi in una delle tre Yaris WRC che debutteranno la prossima stagione. Sicuramente, a livello di budget, in Gazoo sapranno soddisfare le richieste della coppia transalpina, visto che non tutti i costruttori potranno permettersi un equipaggio “super lusso” così.
Nonostante Makkinen desiderasse un team tutto finlandese, ingaggiando Hanninen e (quasi confermato) Lappi, adesso tutto potrebbe cambiare, visto “l’appiedamento” di questi tre equipaggi. Per Toyota, quindi, un rientro nel WRC con tre vetture sembra quasi sicuro.

Per Latvala si prospetta, invece, un brutto periodo: il finlandese non è mai stato al livello delle aspettative che ha saputo creare, e probabilmente nessun team avrà voglia di investire parecchi soldi su un pilota da metà classifica. Potrebbe esserci una porta aperta per lui in M-Sport, al volante di una Ford Fiesta, ma nulla è sicuro, quindi dovremo attendere.

Leggermente più rosea la prospettiva di Andreas Mikkelsen: il giovane norvegese è sempre stato veloce, e nell’ultima stagione ha fatto passi da gigante.
Quattro anni fa ha esordito nel WRC come pilota pagante, ma adesso la situazione è molto diversa ed un giovane veloce come lui può far gola a diversi team. Se non fosse soddisfatto dalle offerte ricevute potrebbe comprare un altro sedile, ma quasi sicuramente troverà una sistemazione entro fine anno. Per il norvegese potrebbe esserci anche una porta aperta in D-MACK.

La scorsa settimana Sebastien Ogier in un’intervista a Rally_Forum : “Ammiro molto Malcom Wilson, è uno dei miei rimorsi è quello di non aver lavorato per lui, ma chi lo sa cosa ci potrà riservare il futuro“.