Dakar 2019 – Day 5, Moto: Sunderland protagonista, prima aiuta Goncalves e poi vince

Sam Sunderland (KTM) arriva per la prima volta al successo in questa Dakar 2019, concludendo lo Stage 5 Moquegua – Araquipa con 3 minuti di vantaggio su Xavier De Soultrait (Yamaha). Una vittoria che arriva in seguito ad un bellissimo gesto compiuto dal britannico, fermatosi in soccorso di Paulo Goncalves (Honda), protagonista sfortunato di un incidente che gli ha provocato una leggera ferita alla testa ed una probabile rottura della mano. In tale modo il porta-colori Honda è costretto a ritirarsi dalla Dakar 2019.  Sunderland è stato poi premiato dalla Direzione Gara, che ha deciso di annullare il tempo perso durante le fasi di soccorso. Un gesto stupendo quello del pilota KTM, capace di testimoniare a tutto il mondo quale sia lo spirito vero e proprio della Dakar.

L’unico pilota che ha ripetuto il podio di ieri è stato Matthias Walkner (KTM), posizionatosi al 3° posto a soli 9 secondi da De Soultrait. Al 4° posto troviamo Santolino (Sherco), seguito da Van Beveren (Yamaha) e Andrew Short (Husqvarna), per la prima volta in Top 10.

Dal 7° al 9° posto troviamo tre KTM, con Benavides che precede Svitko, per la terza volta consecutiva nei primi dieci, ed un Toby Price non particolarmente in forma quest’oggi.

A terminare in decima posizione è lo statunitense Skyler Howes, in sella alla Husqvarna del team Klymciw Racing, distaccato di 5 minuti e 45 secondi dalla vetta.

Fuori dai primi dieci Ricky Brabec (Honda), Kevin Benavides (Honda) e Pablo Quintanilla (Husqvarna), piloti che nei 452 km di speciale hanno faticato a tenere il ritmo e confermare i risultati di ieri.

Il migliore degli italiani è Gerini (Husqvarna), piazzatosi al 19° posto al termine della speciale. Purtroppo, invece, Nicola Dutto deve ritirarsi ufficialmente dalla Dakar, a causa di un errore commesso dalla Direzione Gara. Quest’ultima ha squalificato Dutto senza un apparente motivo logico, lasciando senza parole l’italiano. Le parole di Dutto nei confronti della Direzione sono state durissime: “Credo che sia la Dakar a perderci. Se i Tg e la stampa hanno parlato della gara in spazi e orari in cui normalmente veniva ignorata è stato proprio per la mia avventura“. Nicola ha specificato, inoltre, che non ha intenzione di partecipare all’edizione 2019.

La classifica generale, al termine della Prova Speciale n° 5, si configura in questo modo:

Ricordiamo che domani i piloti potranno approfittare del giorno di pausa ad Arequipa. Torneranno a gareggiare domenica 13 gennaio, con la Prova Speciale N° 6 Arequipa – San Juan de Marcona.