Accadde oggi: Schumacher dominante dopo la squalifica

Michael Schumacher domina a Jerez al ritorno dalla squalifica

Correva l’anno 1994 e Michael Schumacher, allora 25enne, era in testa al mondiale. Il 15 ottobre 1994 il Kaiser ottenne la pole position a Jerez.

Ci sono eventi sportivi che destano l’interesse di tutto il mondo. A volte, sono le peggiori circostanze ad aumentare la popolarità di una competizione che già è, di per sé, estremamente importante. Questo è quello che successe in Formula 1 in un 1994 pieno di eventi, alcuni dei quali nefasti. La morte di Roland Ratzenberger e Ayrton Senna lo stesso fine settimana a Imola, il grave incidente di Karl Wendlinger a Monaco e quello Andrea Montermini a Barcellona, le discutibili sanzioni contro Michael Schumacher, le voci sugli aiuti illegali del B194 di Benetton… Tutto questo ebbe come culmine una gara finale in cui il contatto tra i due candidati decise il titolo a favore di Schumacher. Il primo duello tra Michael Schumacher e Damon Hill si concluse in Australia, ma prima di allora, Jerez ebbe un ruolo cruciale.

Al Gran Premio d’Europa, disputatosi a Jerez de la Frontera, Michael Schumacher si ritrovava a lottare con Damon Hill. Il tedesco fu fermato per le prove di Monza ed Estoril. La squalifica gli fu inflitta a Silverstone per aver superato due volte Hill nel corso del giro di ricognizione e per non aver rispettato le penalità che gli fu inflitta. La Benetton era convinta di essere stata vittima di un complotto da parte della FIA con l’obiettivo di mantenere vivo il campionato. Alla gara in terra spagnola Schumacher giunse con 76 punti, contro i 75 di Hill.

A Jerez Schumacher prese la pole, tenendo a distanza Damon Hill di un solo decimo. Per aiutare il pilota londinese, la Williams decise di affiancargli l’esperto Nigel Mansell per le ultime tre gare. L’ex ferrarista ottenne un terzo posto nelle qualifiche. Nonostante Hill riuscì a partire meglio, prendendosi la leadership, il kaiser ebbe la meglio sopravanzandolo grazie alla strategia ai box e a un passo di gara velocissimo a pista libera. Benetton scelse una strategia con tre pit stop in modo da avere una vettura più leggera e rapida.

Successivamente si apprese che alla seconda sosta i meccanici Williams misero troppo carburante nella vettura di Hill, rendendola più pesante. Questo fu decisivo ai fini della vittoria di Schumacher.

Jerez va ricordata inoltre per essere stata l’ultima gara in Formula 1 per Andrea De Cesaris, tristemente scomparso nel 2014 per un incidente stradale sul Raccordo Anulare. Il suo ritiro al giro 37 per problemi all’acceleratore non fu l’epilogo desiderato dal pilota romano. Quest’ultimo riuscì comunque a disputare ben 208 gran premi in Formula 1.

Il mondiale fu vinto da Schumacher con un solo punto di vantaggio su Hill. Nei successivi appuntamenti la lotta fu serrata. In Giappone vinse Hill mentre in Australia ci fu la famosa collisione, con tanto di polemiche, ma di questo parleremo alla prossima puntata…

 

La pole di Schumi: