Alex Wurz: “Mercedes e Ferrari sono vicinissime. Halo non piace? Non si può ignorare la sicurezza”

È partito il conto alla rovescia per il primo Gran Premio della stagione 2018 di Formula 1. E insieme sono partiti anche i pensieri, le curiosità e le previsione su chi alla fine diventerà campione del mondo. A proposito di favoriti, l’ex pilota Benetton e McLaren e ora presidente della GPDA (Grand Prix Drivers Association) Alexander Wurz ha detto la sua sulla lotta iridata Mercedes-Ferrari-Red Bull.

“Nei test abbiamo visto che Mercedes e Ferrari sono molto vicine.” – dice l’austriaco – “Il mio istinto dice che le Red Bull sono tre decimi dietro, ma non bisogna mai sottovalutarli. Sono veloci su alcuni circuiti, speriamo che in essi possano essere coinvolti in una lotta a 3. Mercedes superiore? Hanno un leggero ma insignificante vantaggio sul passo gara. L’anno scorso pensavamo che stesse bluffando, ma poi la Ferrari è stata effettivamente veloce.”

APPROFONDISCI: F1 Rewind, GP Adelaide 1991

Riguardo al continuamente e sempre discusso Halo, Wurz difende il dispositivo di protezione del cockpit voluto dalla FIA. “In futuro potremmo andare a oltre 400 km/h a Monaco, senza preocupparsi di una bandiera rossa per il meteo. Ma non possono ignorare e bloccare questi sviluppi sulla sicurezza solo perché alla gente non piace esteticamente l’Halo.”

“La società è cambiata, e come un’industria globale e dobbiamo fare tutto il possibile per evitare che le persone vengano uccise. Alla gente non piace? Scommetto che se uno sport è davvero emozionante, con lotte serrate e diversi vincitori, il 99,9% degli spettatori non si chiederà se c’è un dispositivo di sicurezza o no”. Siete concordi con le parole di Alex Wurz?