Analisi Tecnica: le novità introdotte per il GP di Australia

Pic by @AlbertFabrega

Il mondiale bussa alle nostre porte: 25 Marzo, GP di Australia. Vediamo insieme le novità e i cambiamenti tecnici introdotti in occasione del Gran Premio di Domenica.

Scuderia Ferrari

La scuderia di Maranello ha portato il pacchetto aerodinamico che ha utilizzato durante la seconda sessione dei test di Barcellona, andando alla ricerca dell’efficienza e del medio/alto carico aerodinamico che richiede il circuito Albert Park.

Si vede una nuova ala anteriore con il mainplane orizzontale calettato e non rettilineo, mentre i flap aggiuntivi sono quattro e vanno verso l’interno che punta verso il basso per favorire il passaggio del vortice Y250 che alimenta il flusso destinato verso il retrotreno.

Interessante è il sistema dell’ S-Duct che è stato modificato: sono presenti 3 slot di canalizzazione del flusso che poi sfocia verso il vanity panel dopo essersi incrociato per via della geometria dei condotti.  I supporti dell’ala anteriore della Ferrari hanno due branchie per aumentare il flusso nella zona più bassa verso l’S-Duct.

Il bargeboard è formato da due pre-bargeboard posizionati nello vassoio orizzontale inferiore. I deviatori di flusso fanno un tutt’uno con la zona d ingresso dell’aria per il raffreddamento. Soluzione abbastanza complessa quanto efficace.

Al posteriore troviamo la “Gear Wing” e i l cofano motore con gli sfoghi posteriori maggiorati per evacuare il calore che si viene a generare all’interno del cofano stesso. Il fondo è lo stesso utilizzato durante i Test invernali.

Mercedes AMG Petronas

Grazie all’assenza dei pannelli che coprono i garage, si è potuto vedere chiaramente il terzo elemento idraulico della sospensione anteriore: un ammortizzatore idraulico di dimensioni piuttosto generose, coni rocker della sospensione montati molto in alto, proprio come il braccio anteriore del triangolo superiore che è installato sopra al punto più alto della scocca in quell’area. Si intravede anche il foro di pescaggio dell’S-Duct.

Aston Martin RedBull Racing

Nuovi specchietti in casa Red Bull: hanno modificato il punto di ancoraggio nella parte inferiore dell’intake di raffreddamento e presenta due supporti verticali; nuova anche la calotta che ingloba lo specchio. In prossimità dei bargeboard, sono stati introdotti dei supporti per l’ancoraggio multiplo tra di loro, al fine di creare rotture data la complessità degli elementi.

 

Sahara Force India

La scuderia di Silverstone ha introdotto dei nuovi deviatori di flusso in pieno stile Sauber e Mercedes. Viene adottata una T-Wing bassa ancorata tramite un supporto al cofano motore.

 

ToroRosso

Toro rosso ha diviso la pinna superiore dell’ Halo in 3 elementi e ha aggiunto 2 pinne inferiori ai lati del dispositivo di sicurezza. Viene introdotto una T-Wing con un profilo superiore rastremato per la pulizia dei flussi. Sono inoltre presenti due profilini ancorati al telaio prima della presa di raffreddamento.

Alfa Romeo Sauber

Ad Hinwil hanno aggiunto sui bracci della sospensione dei profili verticali taglia-flusso, destinati alla pulizia e all’indirizzamento del fluido verso i bargeboard. Inoltre, è stato possibile vedere la disposizione della PU e dei radiatori all’interno del garage.

McLaren

Alla McLaren sono alla continua ricerca di raffreddare efficacemente il propulsore Renault: a tal proposito si vedono dei nuovi fori sul cofano motore per favorire l’estrazione dell’aria calda proveniente dalla Power Unit.

Si intravede una nuova ala anteriore introdotta per incrementare l’efficienza aerodinamica della vettura.