Analisi: perché Monaco è una grande occasione per Red bull

©Red Bull Content Pool

La Red Bull ha preso l’abitudine di iniziare le stagioni lentamente. Quest’anno, il team ha addirittura anticipato la pubblicazione della sua nuova auto per arrestare questa tendenza. Ha pagato. Hanno fatto un passo avanti nel 2018, colmando il gap con Mercedes e Ferrari, ma hanno ancora molto da fare.

Rinomato per il loro spietato tasso di sviluppo, Red Bull ha portato il più grande aggiornamento in Spagna: bargeboards, fondo e sidepods revisionati. I segnali iniziali sono stati positivi, con miglioramenti che dovrebbero essere più efficaci su circuiti come Monaco.

Comparto aerodinamico laterale | © Sutton Images

“Abbiamo sicuramente fatto un enorme passo avanti”, ha detto il team principal della squadra Red Bull Christian Horner sugli ultimi sviluppi. “Ci vorranno due o tre gare su piste diverse per vedere il potenziale.”

Max Verstappen ha conquistato il suo primo podio dell’anno in Spagna con il terzo posto, e anche se la Red Bull non ha ancora un pacchetto complessivo che sia in grado di vincere in modo coerente, il downforce extra dell’ultimo aggiornamento effettuato può aiutare a elevare il team sulla natura unica del Circuito di Monte Carlo.

“Soprattutto nell’ultimo settore, siamo davvero ottimisti, il che dimostra molte promesse, anche per Monaco”, ha dichiarato Verstappen. “Piu carico aerodinamico, anteriore e posteriore.Questo era l’obiettivo. Non penso che fossimo necessariamente in difficoltà davanti o dietro, ma il carico aerodinamico complessivo è sempre buono.Nelle ultime stagioni, la Red Bull è sempre stata più forte a Monaco quindi non vedo l’ora che arrivi il fine settimana. “

Con una miriade di curve lente punteggiate da pochi brevi rettilinei, il downforce a Monaco a bassa velocità è fondamentale – e questo gioca nelle mani della Red Bull.

About the Author

Luigi Gabriele Gueli
Classe 1996', studente di Ingegneria Aerospaziale che nutre sin da bambino la passione per le 4ruote e gli aerei.