Benetton B195: autrice dell’unico mondiale costruttore del team

© F1

1995. Dopo la vittoria del titolo piloti da parte di Michael Schumacher nella stagione ’94, la scuderia guidata da Flavio Briatore ottenne la fornitura dei nuovi propulsori per la stagione ’95, passando così dai V8 Ford-Zetec al famigerato V10 Renault utilizzato anche sulle Williams.

La B195, sotto le mani di Rory Byrne e Ross Brawn, si pose come l’evoluzione della precedente B194 seguendo i regolamenti della nuova stagione, i quali riguardarono l’aerodinamica e la cubatura dei propulsori. Si lavorò molto sui processi produttivi dei vari materiali al fine di raggiungere alti standard di sicurezza, visti anche gli episodi tragici dell’anno precedente, il famoso 1994.

© KeepFitghtinMichael

Principalmente, la FIA impose ai tecnici di progettare una vettura che avesse un’altezza da terra di almeno 50mm, adoperando l’uso di un fondo scalinato. L’altezza delle pance laterali aumentò così come la presenza di piccole appendici aerodinamiche, in particolare davanti le ruote anteriori e sotto l’ala posteriore.

L’adozione dei propulsori Renault da parte della Benetton, provocò la riprogettazione del vano motore, del cambio da adattare e dello schema sospensivo push-rod posteriore. Quell’anno la cilindrata dei motori passo da 3,5 a 3,o litri: il Renault RS7 V10 67° a 14.300 giri era in grado di tirare circa 750CV .

© Ultimatecarpage

Ciò rappresentò la prima vera innovazione all’interno del team poichè il propulsore Ford della stagione precedente si rivelò inferiore al Renault in termini di prestazione ed affidabilità. L’RS7 pesava meno rispetto all’RS6 ed era in grado di fornire circa 800 giri in più, il che dimostrò prestazioni significative.

Nel 95 il mondiale cominciò in Brasile, primo appuntamento dell’anno dove in seguito ad una squalifica a causa della benzina irregolare e la successiva riammissione della vittoria, Michael Schumacher proseguì con lo stesso obbiettivo del 1994, battere Damon Hill.  I due piloti furono autori di numerose collisioni a vicenda, come nel 1994: il più notevole fu al Gran Premio d’Inghilterra quando Hill provò a sorpassarlo portando fuori gara sia lui che Schumacher.

© F1

Schumacher trovò vantaggio dagli errori della Williams e Hill, che con le sue nove vittorie, mantenne facilmente la leadership sul campionato, mentre Johnny Herbert vinse a Silverstone e Monza, un’altra gara in cui Hill e Schumacher ebbero un incidente. La Benetton vinse il suo primo (e unico) Campionato Costruttori in quella stagione, ma la maggior parte del loro staff tecnico si staccò per seguire Schumacher alla Ferrari, con la quale firmò un contratto per la stagione 1996.


SCHEDA TECNICA

Motore
Configurazione 72º V10
Posizione Mid, longitudinally mounted
Cilindrata 3,000 cc / 183.1 cu in
Valvetrain 4 valvole /cilindro, DOHC
Aspirazione N.A.

About the Author

Luigi Gabriele Gueli
Classe 1996', studente di Ingegneria Aerospaziale che nutre sin da bambino la passione per le 4ruote e gli aerei.