Brawn: “A questa F1 serve gente come Alonso!”

Alonso, super impegnato in questa stagione a causa del doppio impegno tra WEC e Formula 1, sta per affrontare il suo quinto weekend di gara consecutivo.

Lo spagnolo, ingaggiato dalla Toyota per completare l’equipaggio numero 8, ha dimostrato di saper andare forte anche fuori dalla Formula 1, vincendo la 24 Ore di Le Mans.

Ross Brawn, ex tecnico Ferrari ed ex team manager della Mercedes, si è detto particolarmente impressionato da questa frequenza di impegni, soprattutto dopo la classica francese: “Alcuni piloti di Formula 1 si sono già detti stanchi di questo terzo weekend di gara consecutivo. È il primo ‘triplo back-to-back’ nella storia della Formula 1 e Alonso sembra non sentire stanchezza. Per lui è stato un periodo molto più intenso di quanto non lo sia stato per gli altri eppure non da alcun segnale di stanchezza. Fernando ha fatto una gara monumentale in Austria, lottando fino all’ultimo giro e per lui la gara è stata molto più faticosa di altri. Lottare nel gruppo richiede sforzi fisici e mentali molto superiori rispetto a chi scappa in solitaria”

Fernando Alonso con la McLaren in Austria. Credit image: Federico Basile

Brawn ha ripercorso la gara dello spagnolo, rammentando il fatto che Alonso è partito dalla pit lane: “Fernando è partito dalla pit lane a causa di una modifica effettuata sulla sua monoposto in parco chiuso. Sulla sua monoposto è stata montata un’ala vecchia e riadattata per via dell’assenza di parti di ricambio. Ma Fernando non si è perso d’animo: è salito in macchina, ha lottato ed ha portato un auto non competitiva fino all’ottava posizione”

Brawn ha anche parlato delle insistenti voci che vorrebbero il passaggio di Fernando Alonso in IndyCar. Brawn si è detto preoccupato perchè è convinto che la F1 risentirebbe dell’assenza di Alonso: “Alonso è arrivato a disputare in Canada il suo trecentesimo Gran Premio di Formula 1. Il weekend seguente ha vinto la 24 Ore di Le Mans con la Toyota alla sua prima partecipazione. Forse cerca nuovi stimoli fuori dalla Formula 1 ma spero che non sia così: è ancora veloce e la Formula 1 ha davvero bisogno di piloti carismatici e talentuosi come lui”