Budkowski in Renault come direttore esecutivo

“Tanto tuonò che piovve”, è questa la frase che potrebbe sintetizzare gli ultimi giorni dell’ormai discusso ‘caso Budkowski’.

Il polacco, responsabile tecnico della FIA, aveva rassegnato qualche giorno fa le proprie dimissioni dal suo importante ruolo all’interno della Federazione, suscitando stupori e qualche sospetto.

Nei giorni scorsi, tutti i team dello Strategy Group avevano chiesto che il periodo di gardening di Budkowski venisse prolungato da tre ad almeno sei mesi proprio per via dell’importante ruolo ricoperto dal polacco: Marcin Budkowski infatti, conosce praticamente tutte le idee che i team stanno sviluppando in ottica futura, quindi sarebbe una miniera d’oro per ogni team.
Approfondisci: Si dimette Budkowski, direttore tecnico della FIAI team chiedono di prolungare il gardening di Budkowski

Dopo le tante polemiche dei giorni scorsi la Renault ha ufficializzato l’ingaggio di Marcin Budkowski nel ruolo di Direttore Esecutivo. Visto che il periodo di gardening non poteva essere allungato, Budkowski sarà al servizio della Renault dal 1 gennaio 2018. Il ‘super-tecnico’ polacco è riuscito a prendere un impegno con la Renault per via del fatto che lui non era un tecnico impiegato per una squadra, ma era (secondo la legge) un ‘normale’ impiegato al servizio di una Federazione sportiva. Proprio per via del regolamento vigente in Svizzera sui diritti dei lavoratori, il suo periodo di gardening è rimasto fissato a tre mesi, quindi Budkowski potrà iniziare a lavorare sia agli sviluppi della monoposto 2018 che alla creazione della monoposto 2019.

Il pericolo concreto quindi, è che Budkowski, avendo visto tutte le idee che le squadre stanno sviluppando, importi tutti i segreti proprio sulla monoposto Renault del 2018, creando così una monoposto davvero imbattibile. Il tecnico polacco, durante il suo impiego in Federazione, aveva il compito di interpretare per le squadre i vincoli regolamentari per decidere cosa fosse regolamentare e cosa non lo fosse, motivo per cui tutti i team dovevano presentare al polacco le idee in fase di sviluppo.

Dopo il polverone alzato dallo Strategy Group, non è escluso lo scenario che Budkowski venga vincolato fuori dal team almeno fino ad aprile ma, senza nuovi ordini, il tecnico polacco potrà iniziare a ricoprire il suo incarico dal prossimo 1 gennaio. Tuttavia, questo scenario sembra assai improbabile.

Cyril Abiteboul, amministratore delegato di Renault Sport F1, ha dichiarato: “Negli ultimi mesi ci sono stati molti cambiamenti positivi all’interno del team, siamo riusciti ad espandere il personale ed a ristrutturare la nostra factory di Viry Chatillon. Dal punto di vista motoristico, oltre al team ufficiale dovremo offrire altre due squadre top nonché difendere il titolo in un campionato di Formula E sempre più competitivo. Con Marcin vogliamo rafforzare la nostra factory di Enstone per tornare tra i top team entro il 2020, oltre a lui affidandoci su personaggi come Bob Bell, Nick Chester e Rob White. L’arrivo di Marcin è un’ulteriore prova della nostra determinazione nel raggiungere i nostri obiettivi”.