Cosa cambia con gli pneumatici HyperSoft?

Le monoposto di Formula 1 hanno definitivamente spento i motori per l’anno 2017.

Ad Abu Dhabi, durante i test di fine stagione, ogni pilota ha avuto a disposizione ben 20 treni di gomme, composti in maggioranza da pneumatici con specifiche 2018 tra cui la nuovissime HyperSoft, la mescola definita “più performante di sempre” da Pirelli.

Gli unici pneumatici a non essere stati testati sono stati quelli a mescola Hard e SuperHard, ma non è detto che non vengano mai utilizzati durante la prossima stagione. I test di Barcellona infatti, saranno un importante banco i prova per i nuovi pneumatici: se le prestazioni ed il carico aerodinamico dovessero ulteriormente aumentare, le mescole più dure potrebbero vedersi in pista più volte del previsto. L’abrasività dell’asfalto e le spinte laterali hanno sempre giocato un ruolo fondamentale nella scelta di pneumatici e con l’aumento delle prestazioni che ci si auspica di avere, potrebbe drasticamente ridursi l’utilizzo delle specifiche più morbide.

Sul tracciato degli Emirati Arabi, come già detto, si sono viste in pista solo Medium, Soft, SuperSoft, UltraSoft e HyperSoft. Ma quanto è davvero performante questa nuova mescola?

I piloti dei top team si sono espressi con pareri favorevoli nei confronti di questa nuova mescola e Mario Isola, responsabile Pirelli Car Racing, si è detto molto soddisfatto: “Con questi due giorni intensi di test ad Abu Dhabi abbiamo chiuso una stagione 2017 da record, con pneumatici più larghi del 25% e alcuni dei giri più veloci di sempre.  In totale, 23 piloti hanno partecipato al test effettuando simulazioni di long run, quindi non in condizioni da qualifica.”

Mario Isola ha poi proseguito, spiegando come l’ampliamento della gamma possa giocare un ruolo fondamentale nell’aumento dello spettacolo: “Considerando che tutta la gamma è stata ammorbidita e che abbiamo anche la nuova Pink, possiamo finalmente cercare di centrare l’obiettivo di riavere due pit stop ad ogni gara, considerando che potrebbe esserci strategie alternative con piloti che proveranno a fare una sola sosta. Questa possibilità di strategie alternative sarà un gran contributo nell’aumento dello spettacolo. Il fatto di avere minore differenza di degrado e di performance tra le varie mescole non sarà un problema perchè potremo decidere di saltare una mescola se vorremo. Probabilmente a Melbourne ci sarà il debutto delle HyperSoft con, ad esempio, la UltraSoft e la Soft.”

Infine, Mario Isola ha illustrato le prestazioni di questi nuovi pneumatici: “Le prestazioni della PZero Pink HyperSoft sono perfettamente in linea con le nostre aspettative: i tempi sul giro sono di quasi un secondo più veloci rispetto alle PZero Purple UltraSoft. Come richiesto fortemente dai team, i pneumatici 2018 sono più morbidi di quelli 2017 quindi la HyperSoft, new-entry in gamma, è di ben due step più morbida della UltraSoft attuale. I dati raccolti dovranno essere poi confermati su altri circuiti, ma siamo sulla giusta strada.”

Infine Mario Isola si è detto entusiasta del lavoro svolto soprattutto grazie alla FIA, che ha permesso di effettuare test durante tutta la stagione e su circuiti di varie tipologie con le monoposto 2017, cosa che si è rivelata molto importante per la raccolta dei dati.