F1, GP Azerbaijan: Bottas al top dopo le FP1, Ferrari in difficoltà

E’ Valtteri Bottas ad aprire il week-end di Baku con il giro più veloce. Il finlandese della Mercedes ha segnato nella FP1 un 1:44.242 con Ultrasoft, cominciando il GP Azerbaijan davanti a tutti. Ma dietro abbiamo un Daniel Ricciardo che con le Supersoft si ferma a soli 35 millesimi di distacco. Se questo non è sorprendente, lo è il fatto che abbiamo una Force India in terza posizione, sempre con Supersoft!

Si tratta di Sergio Perez, che si mette a 8 decimi da Bottas e Ricciardo e si mette davanti a Lewis Hamilton, 4° con le Ultrasoft. Le pretazioni della Pantera Rosa vengono poi confermate da Esteban Ocon, 5° e lontano solo pochi millesimi dal suo compagno. E le Ferrari? Assenti al momento: Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen sono 10° e 15°, lontanissimi da dove vorrebbero essere.

E i guai non sono finiti… si dice che il Cavallino accusi un problema alle PU o di ‘sand bagging’ nel T3, ma solo una cosa è certa. Qualcosa non va dentro la SF71-H: nelle prove libere infatti abbiamo visto i meccanici intervenire sulla Rossa di Kimi Raikkonen (in particolare il cambio). Non si sa molto di più, ma certamente questo non è l’inizio di week-end che la Ferrari si aspettava.

Male lo start del week-end anche per Max Verstappen: l’olandese, che ha chiuso 6° la FP1, è andato a sbattere in curva 5 nelle prime fasi di queste prove. Seppur il suo tempo con le Soft impensierisce il paddock, a destare più attenzione è il fatto che ancora una volta abbia compromesso una sessione per la Red Bull. E’ solo venerdì mattina, ma può e deve fare di meglio, visto le attese.

Ma la domanda è: quanto di dobbiamo fidare di questi primi dati? Non molto, infatti la pista era ancora molto sporca. Ne sono la prova i numerosi lunghe (bandiere gialle) e correzioni di vetture che sono andate a sfiorare i muri. Sinceramente crediamo che non sapremo di più al pomeriggio, quando le FP2 daranno le prime previsioni sulle forze in campo per il GP Azerbaijan.

Tornando alla classifica, Fernando Alonso chiude 7° con la sua McLaren ma lontanissimo dai primi 6. In ottava posizione rivediamo la Williams con Sergey Sirotkin, a seguire la Toro Rosso di Pierre Gasly. E mentre Vettel riesce a malapena ad entrate nella top 10, anche la Haas accusa gli stessi problemi. Romain Grosjean e Kevin Magnussen sono rispettivamente 14° e 18°, problemi anche per Renault con Nico Hulkenberg 13° e Carlos Sainz ultimo.