F1, GP Francia: Pole per Hamilton nella prima fila Mercedes, Vettel insegue!

Come da previsione è Lewis Hamilton a prendere la Pole Position del GP Francia. Il britannico riesce a fare sua la qualifica con un 1:30.029, mentre la Mercedes occupa tutta la prima fila con Valtteri Bottas 2°. Ma la Ferrari c’è e lo dimostra con Sebastian Vettel che domani partirà in terza posizione. Accanto a lui in una calda seconda fila abbiamo Max Verstappen che riesce ad avere la meglio sul suo compagno Daniel Ricciardo. Non convincente invece Kimi Raikkonen, che paga un errore all’ultimo giro con la sola sesta posizione sulla griglia.

Una Q3 emozionante che ha interotto la sua suspence a metà sessione. Romain Grosjean, che era sembrato in gran forma, è andato infatti a sbattere in curva 3/4, causando la bandiera rossa e vanficando la chance di un ottimo piazzamento. Le condizioni della pista, causa meteo, non sono state ottimali e infatti il secondo giro è stato quasi inutile per la decisione delle prime 5 file. Occhio alle strategie: Mercedes e Red Bull partiranno con Supersoft, Ferrari invece va con le Ultra. Una mossa che può avere esiti imprevedibili visto il week-end non di certo ordinario a Le Castellet.

La quarta fila vede comunque Carlos Sainz in settima posizione con la Renault, ma è Charles Leclerc che si prende i titoli. Il monegasco è autore di una grandissima qualifica e riesce prima nell’impresa di andare per la prima volta in Q3 e poi di piazzarsi 8° in quarta fila. Il pilota ha messo la sua Alfa Romeo Sauber davanti anche alle Haas di Kevin Magnussen e Romain Grosjean. Queste ultime completano la quinta fila e la top 10.

In zona Q2 invece vedremo Esteban Ocon e Nico Hulkenberg in sesta fila, in settima invece avremo Sergio Perez e Pierre Gasly. Disastrosa la qualifica per la McLaren che qui non riesce nemmeno a passare il Q1 sia con Fernando Alonso (16° dietro pure a Marcus Ericsson) che con Stoffel Vandoorne (18°). In mezzo a loro la Toro Rosso di Brendon Hartley mentre l’ultima fila è occupata dalle Williams di Sergey Sirotkin e Lance Stroll.