F1, GP Gran Bretagna: Hamilton di nuovo in Pole a Silverstone, ma le Ferrari ci sono!

‘Provate a battermi’, direbbe Lewis Hamilton dopo le qualifiche del GP Gran Bretagna di oggi. Dopo una battaglia estenuante tra Mercedes e Ferrari, è l’inglese a conquistare un’altra Pole a Silverstone, la sesta in carriera, la quarta di fila. Il suo 1:25.892 è un tempo magistrale che nemmeno Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen sono riusciti a battere. Ma i distacchi sono ridottissimi. Vettel a 44 millesimi, Raikkonen a 98.

E domani partiranno nell’obiettivo di mettere subito pressione al pilota che gioca letteralmente in casa. D’altronde la Mercedes non sembra una macchina irresistibile: ne è la prova il quarto posto in griglia di un Valtteri Bottas mai in lotta per la Pole. Non c’è nessun impresa per le Red Bull che, lontane dalle magnifiche 2, compiono l’obiettivo minimo di andare in terza fila, con Max Verstappen ancora una volta davanti a Daniel Ricciardo.

Dietro di loro ci sono le due Haas di Kevin Magnussen e Romain Grosjean, mentre in nona posizione abbiamo un ottimo Charles Leclerc. Il monegasco riesce nuovamente a piazzare l’Alfa Romeo Sauber in Q3 e a metterla in quinta fila, davanti anche ad Esteban Ocon. In zona Q2 abbiamo Nico Hulkenberg e Sergio Perez in sesta fila, mentre in settima fila partiranno Fernando Alonso e Pierre Gasly. In ottava fila avremo Marcus Ericsson e un Carlos Sainz in gran difficoltà.

Per lo spagnolo della Renault è la prima volta che non accede alla Q3, ma qui a Silvestone non è riuscito nemmeno a passare il Q1. Dietro di lui ci sono in nona fila Stoffel Vandoorne e Sergey Sirotkin, mentre a chiudere la griglia abbiamo Lance Stroll e Brendon Hartley. Una giornata nera per la Williams, autrice di due testacoda, con Stroll che si è fermato nella ghaia alla Brooklands, causando la bandiera rossa. Invece Hartley non è riuscito nemmeno ad entrare in pista, dato che la Toro Rosso non è riuscita a riparare in tempo la macchina distrutta in FP3 a causa del cedimento della sospensione anteriore sinistra.