F1, GP Spagna: Hamilton dominatore a Barcellona, pasticcio Ferrari!

Lewis Hamilton e la Mercedes tornano a fare Lewis Hamilton e la Mercedes. Il britannico e le Freccie d’Argento fanno due vittorie di fila nel GP Spagna a Barcellona, ma a differenza di Baku è una vittoria totalmente meritata. Caos gomme e episodi a parte, nessuno ha potuto nemmeno impensierire un Lewis che oggi era rimasto inarrivabile per chiunque e che allunga nel mondiale piloti.

Mercedes che completa la sua doppietta con Valtteri Bottas 2°. Discorso totalmente diverso invece per le Ferrari. Kimi Raikkonen ha un DNF per problemi tecnici, mentre Sebastian Vettel era riuscito a sorpassare Bottas dopo la prima curva con una manovra audace. Sembrava un secondo posto già scritto, salvo poi vanificare la sua ottima partenza con una strategia MOLTO discutibile.

Dopo aver fatto la prima sosta (e rischiato l’overcut da parte del finlandese), i strateghi della Ferrari decidono, durante la seconda Virtual Safety Car (fuori Ocon) di richiamare Vettel per una seconda sosta e per cercare di rimettersi in gioco per la vittoria. Solo che, quasi inspiegabilmente, gli rimettono le gomme medie.

Una scelta che verrà pagata cara non solo per il tipo di gomme scelte, ma per il pit stop più lento di 3 secondi. Risultato: Vettel perde pure il podio a favore di un Max Verstappen che si riscatta dopo un inizio di stagione difficile. Un week-end disastroso che complica ancora di più la corsa al titolo della Ferrari dopo la già prima batosta a Baku.

Non si può dire comunque che il GP Spagna sia stato noioso. Abbiamo una Safety Car subito dopo la partenza per una mega carambola in curva 3 che vede fuori gioco Romain Grosjean, Nico Hulkenberg (2° DNF consecutivo) e Pierre Gasly. Successivamente si ritireanno anche Raikkonen, Ocon e Vandoorne, ma per problemi tecnici.

Tornando alla classifica, Daniel Ricciardo chiude in un anonimo 5° posto, mentre Kevin Magnussen conquista in solitaria un ottimo 6° posto per la Haas. In settima posizione troviamo la Renault di Carlos Sainz, seguito dal suo connazionale e idolo locale Fernando Alonso. 9° posto per un Sergio Perez in rimonta, mentre Charles Leclerc, con la decima posizione, riesce ad andare in zona punti con l’Alfa Romeo Sauber per la seconda gara consecutiva.

A questo punto ecco come si evolvono le classifiche complessive. Hamilton allunga nel mondiale piloti con 95 punti, mentre Vettel insegue a 78 lunghezze. Bottas sale a 58 punti e passa un Raikkonen fermo a 48 lunghezze. Nel costruttori Mercedes torna leader con 153 punti. Ferrari segue a 126 punti, mentre la Red Bull si mantiene terza con 80 lunghezze. Prossimo appuntamento a Monte-Carlo tra due settimane per il GP Monaco.