F1: in Bahrain decelerazioni massime fino a 5G!

© Wolfgang Wilhelm

Situato nel deserto di Sakhir, il circuito è stato progettato da Hermann Tilke e per la sua realizzazione sono stati spesi 150 milioni di dollari, molti dei quali necessari per creare il fondo su cui depositare l’asfalto.​

In una scala da 1 a 5, il Bahrain International Circuit si è meritato un 4, valore che lo posiziona tra i circuiti altamente impegnativi per i freni. Solo Montreal, Città del Messico, Abu Dhabi e Singapore hanno ottenuto un punteggio più alto.​

Il circuito mediorientale rappresenta un banco di prova molto duro per tutte le componenti dell’impianto frenante, come dimostra l’indice di difficoltà attribuito dai tecnici Brembo. Per ciascun team Brembo ha realizzato sistemi frenanti ad hoc che garantiscono un’integrazione ottimale con le caratteristiche aerodinamiche e meccaniche delle auto.

Questi valori si traducono in un notevole grip meccanico. La presenza di molte frenate ad alto impatto energetico, per di più concentrate nella sezione centrale della pista, si traduce in un’usura elevata dei materiali d’attrito.​ Per adattarsi alle monoposto 2019, più performanti di quelle degli ultimi anni, i tecnici Brembo hanno aumentato il numero​ dei fori dei dischi in carbonio e realizzato nuove pinze.

In Bahrain i piloti usano i freni per poco meno di 15 secondi e mezzo al giro, cioè per il 18 per cento della gara.​​ La media sul giro delle decelerazioni massime è di 4,1 g nonostante la frenata alla curva 6 sia di soli 2,3 g. Dalla partenza alla bandiera a scacchi l’energia dissipata da ciascuna monoposto supera i 228 kWh.​

© AMuS

Dal via all’arrivo​ ciascun pilota ricorre ai freni oltre 450 volte, esercitando un carico totale sul pedale vicino a 60 tonnellate. In altre parole, ciascun pilota esercita un carico di oltre 650 kg al minuto.​

Le frenate più impegnative

Delle 8 frenate del Bahrain International Circuit 3 sono classificate come impegnative per i freni 4 sono di media difficoltà e una è poco impegnativa.​

La staccata più impegnativa è quella alla curva 1: le monoposto vi arrivano a 331 km/h e frenano per 2,4 secondi in 118 metri per scendere a 83 km/h. I piloti esercitano un carico di 212 kg sul pedale e devono sopportare 5,5 g di decelerazione​.

Più bassi ma sempre elevati sono la decelerazione (4,9 g), e la velocità di punta prima di frenare (309 km/h) alla curva 14: ne conseguono anche minori tempi e spazi di frenata, cioè 1,81 secondi e 101 metri.​ Notevole anche la frenata alla curva 4: in 106 metri, le monoposto perdono 167 km/h con una decelerazione di 4,4 g e un carico sul pedale del freno di 140 kg.​

About the Author

Luigi Gabriele Gueli
Classe 1996', studente di Ingegneria Aerospaziale che nutre sin da bambino la passione per le 4ruote e gli aerei.