F1, Pirelli: Isola pensa all’abolizione della regola delle gomme in Q2

Il responsabile della P Lunga propone dei cambi regolamentari per favorire la scelta libera di gomme per i team.

Negli ultimi anni Pirelli ha provato a dare più liberta ai team di Formula 1 per quanto riguarda le scelte degli pneumatici. Tuttavia rimangono alcuni limiti, come le tre mescole scelte dalla casa milanese e la regola che chi si qualifica al Q3 deve partire in gara con le gomme usate nel Q2. Essa ha portato talvolta anche a strategie monotone e gare noiose. Uno degli esempi più chiari è il GP Singapore di quest’anno, con un ritmo gara lentissimo fino alla sosta ai box.

Il responsabile F1 e Car Racing Mario Isola, cui abbiamo avuto il piacere di intervistarlo diverse settimane fa (leggi QUI la nostra intervista), ha risposto ad una possibile abolizione del vincolo del Q2. “Non è una nuova idea, ne abbiamo già discusso in passato. Alcune squadre ci hanno dimostrato che una libertà di scegliere qualunque mescola si tradurebbe in un vantaggio aggiunto per i top team. Infatti le squadre di centro classifica dovrebbero spingere di più, costringendosi quindi a partire con le coperture usate nelle qualifiche.”

“Credo che possa essere fattibile solo se ci sono alcuni cambiamenti nei regolamenti sportivi, come quello che obbliga i piloti a partire con le gomme del Q2”. Alla domanda sui nomi per le mescole 2019, Mario Isola dichiara: “La nostra terminologia per il prossimo anno sarà dura, media e morbida. Faremo un annuncio ufficiale non appena avremo deciso anche i colori.”