F1 Rewind, Gp della Cina 2006: l’ultima sinfonia di Michael Schumacher!

Neanche il tempo di metabolizzare le emozioni vissute domenica, che è già tempo di pensare al prossimo Gran Premio che si correrà in Cina questo weekend.
La pista di Shanghai ospita la Formula 1 dal 2004 e quest’anno la corsa arriverà alla sua XV edizione.
Con F1 Rewind rivivremo quella del 2006, una delle gare più belle disputatesi su questo tracciato, in cui il disegno della pista e il meteo sempre incerto garantiscono spettacolo e colpi di scena, nonché una gara entrata di diritto nella storia della categoria perché è coincisa con l’ultima vittoria in Formula 1 di Michael Schumacher.

Nel 2006 il Circus arriva a Shanghai nel pieno della lotta iridata tra Michael Schumacher (Ferrari) e Fernando Alonso (Renault), che l’anno prima era riuscito, dopo cinque anni, a togliergli lo scettro di Campione del Mondo.
Alla fine della stagione mancano tre gare, Alonso ha solo due punti di vantaggio in classifica sul tedesco che ha dalla sua la motivazione extra di chiudere la carriera con l’ottava corona iridata.
Le qualifiche del Sabato però, disputatesi in condizioni miste tra bagnato e asciutto, non sorridono a Schumacher che si qualifica solamente sesto con il rivale Alonso in pole position con il tempo di 1.44.351; in mezzo a loro Fisichella (Renault), Barrichello (Honda), Button (Honda) e Raikkonen (McLaren).

La partenza avviene con pista umida e tutti i piloti optano per le gomme intermedie, Alonso mantiene agilmente la testa della corsa con il compagno di squadra Fisichella che gli guarda le spalle e, bloccando il gruppo nelle prime curve, gli concede anche un margine immediato.
Schumacher non riesce a guadagnare posizioni allo start ma ben presto, grazie alla pista che inizia ad asciugarsi favorendo i team gommati Bridgestone,per via della mescola più dura, rispetto a quelli Michelin, che equipaggia fra le altre anche la Renault, il suo ritmo aumenta e inizia a guadagnare sulle vetture che lo precedono.
Allo stesso modo Raikkonen, dopo aver passato le Honda alla partenza, guadagna sulle Renault e al giro 14 abbiamo un doppio sorpasso: Michael su Button e Kimi su Fisichella.
Il finnico inizia a guadagnare terreno su Alonso mentre la pista va sempre più asciugandosi ma al giro 18 è costretto, per l’ennesima volta nella sua avventura a Woking, a parcheggiare la sua Mclaren a bordo pista per un problema all’acceleratore.
Il tedesco della Ferrari, in rimonta su Alonso e Fisichella, guadagna così un’ulteriore posizione issandosi al terzo posto, durante la prima sosta ai box la scuderia di Maranello decide di non sostituire gli pneumatici di Schumacher, ancora in buone condizioni e si limita al rabbocco di carburante.
La stessa mossa verrà fatta da Fisichella mentre Alonso, in crisi con le gomme, decide di cambiare soltanto quelle anteriori e vede così definitivamente dissolto il proprio vantaggio sugli inseguitori; nella fase centrale di gara le prime posizioni si ricompattano e al giro 30 Fisichella, dopo l’autorizzazione del muretto Renault, sorpassa il compagno Alonso sempre più in difficoltà.
Schumacher non perde tempo e al giro 31 si libera del rivale spagnolo per lanciarsi all’inseguimento del pilota romano, intanto arriva il momento del passaggio alle gomme d’asciutto: fra i due il tedesco rientra per primo e al giro 41, con le gomme già in temperatura, attacca Fisichella, appena uscito dai box, in curva 1.

Il pilota romano chiude disperatamente la porta ma il tedesco mette due ruote sull’erba e due sul cordolo riuscendo a tenere la macchina in strada sull’ umido e a passare incredibilmente Fisico.
A questo punto Schumacher guadagna sulle due Renault che, per ovvie ragioni di classifica, si scambiano le posizioni, negli ultimi giri Alonso si avvicina alla Ferrari ma non abbastanza da poterla attaccare.
La gara si conclude così con la vittoria di Michael Schumacher (la prima in Cina, la novantunesima ed ultima in carriera) davanti ad Alonso e Fisichella, che permette al Kaiser di affiancare Alonso in classifica Piloti a due gare dal termine.
Sappiamo tutti come andranno a finire quelle gare ma questa vittoria rimane speciale, per tutti gli appassionati e in particolare per i tifosi di Schumacher e della Ferrari.

Non ci resta che augurarvi un buon Gran Premio della Cina, da seguire, come sempre, sulle pagine di Tuttomorsport.