F1 Test Barcellona 2018: è Bottas il più veloce nel Day 2

Ad imporsi nella seconda ed ultima giornata di questa sessione di test in season è stato Valtteri Bottas, che ha portato la Mercedes a girare in 1’16”904.
Il finlandese ha completato ben 139 giri al volante della sua Mercedes W09, provando tutte e tre le mescole a disposizione dei piloti e raccogliendo più dati possibili.

Secondo tempo, con soli 68 millesimi di ritardo per Antonio Giovinazzi al volante della Ferrari SF71H. Il pilota italiano è stato anche il più attivo in pista, completando ben 148 giri, e ha fatto il suo giro migliore con pneumatici a mescola Hypersoft. Il miglior crono, quindi, è arrivato con due mescole di vantaggio rispetto al rivale della Mercedes.

Terzo tempo, con oltre un secondo di ritardo, per Lando Norris al volante della McLaren. Il giovane britannico ha fermato il cronometro sul tempo di 1’18”039 con pneumatici a mescola Soft. Il giovane talento inglese, che ha anche provocato una bandiera rossa per un testacoda, ha completato 90 tornate senza problemi.

Quarto tempo per Kevin Magnussen, anche lui protagonista di una disavventura che lo ha costretto a concludere in anticipo la sua giornata. Il danese è rimasto a causa di un problema tecnico e la squadra ha voluto verificare quanto accaduto alla sua monoposto. Il figlio d’arte ha completato 75 tornate, fermando il cronometro del suo giro migliore in 1’18”274.

Quinto e tredicesimo tempo per la Force India, che ha fatto scendere in pista sia Latifi che Mazepin. Mazepin è risalito fino alla quinta posizione sfruttando le gomme hypersoft, riuscendo a realizzare un tempo di 1’18″344 nel migliore dei suoi ben 112 giri, mentre Latifi ha completato ben 121 giri.

Sesto tempo per Jack Aitken al volante della Renault. Il giovane talento del vivaio Renault ha completato 120 giri ed è stato il più veloce tra i piloti che hanno ottenuto la miglior prestazione con pneumatici UltraSoft.
139 tornate e settimo tempo per Charles Leclerc al volante della Sauber, che ha preceduto Robert Kubica di poco meno di tre decimi: il polacco ha completato 123 giri con la Williams e domani sarà già al lavoro a Grove al simulatore.

Giornata non molto positiva per la Toro Rosso, che ha alternato Gelael e Gasly: il primo ha girato la mattina completando 83 giri e conquistando il dodicesimo tempo nella classifica dei tempi, mentre il secondo ha girato nel pomeriggio completando solo 39 giri e riuscendo ad ottenere il nono tempo. C’è da dire che in Toro Rosso hanno dovuto sostituire la power unit Honda, e questo è costato parecchio tempo.

Anche oggi McLaren e Force India erano in pista con due vetture ciascuna e per entrambe la seconda era quella designata al lavoro di sviluppo delle gomme Pirelli 2019. Stoffel Vandoorne ha chiuso decimo, completando 96 giri.

Undicesimo tempo per Jake Dennis, che ha esordito al volante della STR14: il pilota della Red Bull si occupa di sviluppo al simulatore e oggi è sceso in pista per un lavoro di verifica di attendibilità dei dati del simulatore e della galleria del vento.