F1, Tombazis: “Pesanti cambiamenti alle monoposto 2019!”

La Formula 1 si avvicina ad un nuovo "cambiamento deciso", spiegato da Tombazis, tecnico FIA

Un altro campionato di Formula 1 si avvicina al termine. Come si avvicina alla fine il momento di “alto carico aerodinamico” delle Formula 1.

Nicholas Tombazis, tecnico della FIA, svela le nuove regole aerodinamiche e le conseguenze: “Le monoposto del 2019 perderanno il 30% del carico e staranno più vicine in scia. La fase critica si vedrà quando le F1 si troveranno a 15-20 metri una dall’altra: ci aspetteremmo di vederle distaccate di mezzo secondo in prossimità di una curva a media velocità”.

Questa nuova esigenza di cambiamento è dovuta all’enorme difficoltà che hanno queste nuove monoposto, dall’aerodinamica tanto sofisticata, nel portare a termine un sorpasso. Ciò è dovuto ad un disturbo dell’effetto scia, che con un aerodinamica maggiore è veramente facile che si presenti.

I cambiamenti maggiori coinvolgono:

  • l’alettone anteriore, che verrà semplificato (i flap verranno rimossi);
  • l’alettone posteriore, che verrà ricollocato;
  • la rimozione di appendici aerodinamiche sulle brake duct.

Il tecnico prosegue nella sua spiegazione: “Con il carico attuale, una F1 perde circa il 30% della downforce, mentre con le regole 2019 contiamo di limitare questa riduzione del 10%. La tendenza delle squadre è di sviluppare sempre più carico aerodinamico, il che aggraverebbe il nostro problema. Se non fossimo intervenuti, riteniamo che il 2019 sarebbe peggiore del 2018, e il 2020 sarebbe peggiore del 2019. Ora, invece, crediamo che il 2019 possa essere migliore del 2018, ma nessuno si aspetta che le F1 possano combattere fianco a fianco come le turismo”.