Ferrari: riemerge l’incognita affidabilità

© F1Debrief

Durante l’ultimo weekend di gara in Spagna, abbiamo potuto vedere come la Ferrari abbia patito dei particolari problemi tecnici di affidabilità, già al quinto gran premio stagionale. Durante le seconde libere, è stato riferito a Kimi Raikkonen un messaggio ben preciso: “Stop the car”. Il finlandese è stato così costretto a sostituire l’unità termica della Power Unit 062 EVO (ICE) a causa di un cedimento strutturale: qualcuno ha  addirittura sostenuto che  abbia ceduto una valvola del 6 cilindri, ma pare che il pezzo dell’impianto di distribuzione si sia rotto per effetto e non per causa.

Sostituita ed omologata la seconda unità disponibile su tre, durante il 26esimo giro del GP, Kimi informa i suoi ingegneri che in quel momento era “senza potenza”, tant’è che gli viene suggerito di impostare la mappatura SOC A, ovvero State of Charge A: il problema verificatosi sul secondo propulsore è stato di natura elettrica, quindi recuperabile, che però è costato il ritiro del finlandese; in particolare, non arrivava corrente alla bancata sinistra del sei cilindri turbo.

I tecnici del Cavallino avranno modo di analizzare tutto l’accaduto e rimediare assolutamente i problemi sofferti durante questo week-end. Sicuramente, i prossimi aggiornamenti per Kimi arriveranno in occasione del GP di Germania, compresa la nuova testata di cui non ha potuto usufruire con la PU numero 2, cosa che invece avrà Seb quando sostituirà  la sua PU.

Infine, la PU numero 2 di Kimi dovrebbe essere recuperata per il GP di Monaco. E nel frattempo le classifiche piloti e costruttori parlano chiaro…