Formula 1, Brawn preoccupato sul gap tra top team e gli altri

L'ex boss di Ferrari e Mercedes reputa tale distacco "inaccettabile" e punta a ridurlo con nuove regole per il 2021

La Formula 1 manca di varietà sul podio. Non che questo problema fosse nuovo, ma negli ultimi 2 anni la top 3 dei Gran Premi ha visto quasi sempre solo piloti dei top team quali Ferrari, Mercedes e Red Bull. Solo in due occasioni è andata diversamente: a Baku, nel 2017 e nel 2018, sul podio abbiamo visto Lance Stroll (Williams) e Sergio Perez (Force India), entrambi in terza posizione.

Il quesito però rimane e anche il responabile sportivo di Liberty Media Ross Brawn è alla ricerca di nuove idee. “E’ inaccettabile”, ha commentato l’ex-capo di Ferrari e Mercedes, “soprattutto se parliamo di un gap in continuo aumento sia dal punto di vista tecnico che da quello economico. Il futuro della Formula 1 dipende da questo, per questo stiamo pianificando insieme a FIA e team alcune soluzioni per il 2021 per migliorare la competizione.”

Tra le varie idee c’era il Budget Cap, una sorta di tetto massimo di spese per la costruzione di una monoposto. “Ormai dobbiamo accettare che non si può andare avanti così per molto tempo. Se quelli di centro gruppo fanno una ‘Serie B’? Senza offesa, ma è solo un modo per definire la situazione. Anche le loro battaglie sono elettrizzanti, ma è difficile che un fan si entusiasmi per una lotta per l’ottavo posto.”