Formula 1, FP1 | Silverstone: Gasly davanti a tutti! Ferrari in versione UFO.

Pista scivolosissima. Ottima performance da parte della Red Bull ma la Mercedes sembra davanti. Ferrari al lavoro sul set-up.

Buongiorno dalla sala stampa di Silverstone. Questo weekend siamo stati accreditati dalla FIA e ci godiamo le prove libere dal rettilineo principale!

A tal proposito, se volete gustarvi un pò di dietro le quinte seguiteci sulla nostra pagina instagram: https://www.instagram.com/tuttomotorsport/ .

Pista sorprendentemente scivolosa, con il nuovo asfalto che crea delle condizioni simili a quelle di pista umida, nonostante non si siano verificate precipitazioni durante la prima ora della sessione (e nelle ore precedenti). Di conseguenza, si sono visti parecchi fuori pista, soprattutto nelle curve 6 e 7.

La sessione inizia con poca attività in pista. Per i primi 10 minuti abbiamo assistito a parecchi installation lap, con diverse scuderie (Red Bull, McLaren e Alfa Romeo Sauber) che presentavano le famose griglie atte a studiare i flussi aerodinamici intorno alla vettura.

Dopo pochi minuti Grosjean si gira nella corsia di uscita dai box e rompe l’ala anteriore (di nuovo Ericsson?). Per sua fortuna nulla di grave e, cambiata l’ala anteriore, il francese ha ripreso a girare normalmente.

Sessione sfortunata anche per Kimi Räikkönen , fermato dopo pochi giri da un problema alla power unit Ferrari (non ancora identificato), che lo ha costretto a terminare la sessione prima del previsto.

Per quanto riguarda i top team, Mercedes ha dato l’impressione di essere la favorita su questo circuito, nonostante una monoposto nervosa e difficile da controllare. Ma prima di emettere sentenze, vanno considerate le condizioni della pista che dovrebbero migliorare nelle prossime sessioni.

Interessante notare come Mercedes e Ferrari abbiano rodato le gomme intermedie in vista della giornata di domani, dove ci si aspetta qualche precipitazione, soprattutto nelle prime fasi della qualifica.

La Ferrari sembra essersi concentrata maggiormente su alcune prove comparative riguardanti la configurazione aerodinamica della vettura, con i due piloti rossi che hanno girato con configurazione opposta nella prima parte della sessione per poi “scambiarsi” i pacchetti nella seconda parte.

Passo gara sul 30.4 per le due Mercedes. La Ferrari di Leclerc, a parità di gomma, ha alternato alcuni giri più veloci rispetto alle frecce d’argento ed altri più lenti di 1″. Vettel, invece, ha continuato a girare sul 32 basso. A tal proposito Marc Genè ha spiegato ai microfoni di Sky Sport che le due vetture stavano girando con carichi di benzina diversi con Vettel più “pieno” rispetto al compagno.

La sorpresa della sessione è Pierre Gasly che strappa a Bottas il primo posto della sessione, un risultato che conferma l’ottimo stato di forma della Red Bull, che al momento sembrerebbe essere subito dietro alle frecce d’argento e davanti ad una Ferrari di difficile lettura, al momento in versione oggetto non identificato, come da titolo.

RISULTATI