Formula 1, Miami non sarà nel calendario 2019!

Battuta d’arresto clamorosa per Liberty Media. I piani della nuova Formula 1 per portare le monoposto a Miami sono sfumati di fronte al poco tempo a disposizione per l’organizzazione. La delegazione di Liberty Media guidata da Sean Bratches ha provato di tutto per inserire la seconda gara negli USA dopo Austin nel 2019, tanto da essere disposta a rinunciare ai 30 milioni di tassa d’iscrizione.

Tuttavia, la città della Florida non sarà presente nel calendario 2019. Una manna dal cielo per i fan storici, una delusione per quelli più nuovi e quelli americani. Questi ultimi potranno comunque ‘consolarsi’ con l’F1 Fan Festival che andrà a scena proprio a Miami in questo ottobre in vicinanza del GP Stati Uniti. Bratches ha già comunicato di essere al lavoro per portare la metropoli in F1 nel 2020. Di seguito le sue parole sul comunicato ufficiale della Formula 1.

“Negli ultimi anni abbiamo lavorato duramente insieme al promotore Stephen Ross, la città di Miami e Miami Dude Country per realizzare il nostro sogno. Abbiamo fatto progressi significativi, tuttavia sono negoziati complicati e abbiamo una visione a lungo termine. Per questo abbiamo deciso di comune accordo di rinviare la firma per il Gran Premio più tardi, con l’obiettivo di fare il GP Miami per il 2020. Non vogliamo compromessi, vogliamo offrire alla città, ai nostri fan e al 1.8 miliardi di persone che ci guardano annualmente il miglior spettacolo possibile.”

About the Author

Andrea Mattavelli
Nato a Gallarate (Varese), classe 1995, appassionato di corse e del motorsport dall'epoca Schumacher-Ferrari. Cresciuto con la Formula 1, ora appassionato di tutte le varie categorie dell'automobilismo (inclusa la Formula E) ;)