Formula 1, scoppia il caso Haas-Rich Energy!

Il CEO conferma la rottura, gli azionisti sul tweet incriminato: “Colpa di un dipendente licenziato, piena fiducia nella Haas”.

E’ giallo in Formula 1. Nella giornata di ieri, la Rich Energy, azienda britannica di energy drink, aveva interotto la sua sponsorizzazione con la Haas (link). Il motivo risiedeva sopratutto nel causa persa in tribunale del plagio del logo, anche se nel tweet dell’azienda era stato scritto che lasciavano per via di “risultati inaccettabili” e di un “atteggiamento ‘politicaly correct’ della F1 che inibisce le attività”.

Tuttavia, quando i giornalisti hanno voluto chiedere un commento da parte del team principal Gunther Steiner, quest’ultimo si è messo da parte, dicendo che non sapeva nulla di questa notizia. “Non voglio mettere nessuno in una posizione difficile ed eviterò di parlarne, anche per via dell’accordo commerciale che ci lega”, le sue parole.

Così la palla è balzata agli stessi dipendenti della Rich Energy, con l’amministratore delegato William Storey che conferma al The Sun la rottura dell’accordo con pesanti parole. “Un camioncino del latte a fondo griglia per noi è un disastro, abbiamo terminato la partnership”. Tuttavia, però, è emerso in queste ultime ore che il tweet “incriminato” sia in realtà frutto di un impiegato licenziato da Rich Energy, che ha deciso di “vendicarsi” alle spalle della sua ex-azienda.

Ultimi, ma non ultimi, gli azionisti dell’azienda britannica hanno smentito la fine della partnership con la Haas. “Vorremmo chiarire che le informazioni diffuse ai media vengono da una fonte non autorizzata.”, il loro commento. “Crediamo fortemente nel team Haas, nelle loro prestazioni e nella loro organizzazione. Stiamo procedendo per rimuovere legalmente questo individuo che con la sua sleale e deplorevole azione ha creato grande imbarazzo. Noi confermiamo l’impegno con la Haas”.

Quindi cosa succede? Difficile dire a questo punto dire chi ha ragione e chi no. Per il momento solo una cosa è certa: che la Haas correrà con la livrea oro-nera originale e con lo sponsor Rich Energy a Silverstone. Aspettando ulteriori evoluzioni da quello che ormai è diventato un caso in F1.

About the Author

Andrea Mattavelli
Nato a Gallarate (Varese), classe 1995, appassionato di corse e del motorsport dall'epoca Schumacher-Ferrari. Cresciuto con la Formula 1, ora appassionato di tutte le varie categorie dell'automobilismo (inclusa la Formula E) ;)