Giovinazzi, la strada Haas è ancora aperta?

Per Antonio Giovinazzi la Sauber potrebbe non essere per forza “l’ultima spiaggia”. Le voci delle ultime settimane dicevano che il boss della Ferrari Sergio Marchionne stava trattando con il team elvetico per farla diventare un Junior Team della Ferrari, così da portare sia il giovane pilota italiano che Charles Leclerc ad un sedile per la prossima stagione. Ovviamente, il nodo rimane sempre Marcus Ericsson, che, nonostante i suoi risultati non siano all’altezza dei suoi compagni, può riconfermarsi grazie ai suoi sponsor. Che stanno tenendo proprio la Sauber a galla.

Ma nelle ultime ore è spuntata anche la Haas per il giovane pugliese della Ferrari. Nonostante il proprietario Gene Haas abbia confermato a parole la coppia attuale Grosjean/Magnussen per il 2018, il portale Italiaracing ha appreso che in realtà il francese non ha ancora completato l’accordo per proseguire con il team americano. Romain è stato protagonista di una stagione difficile, e anche se ha conquistato più punti del suo compagno Kevin (11 contro i 26 del francese) non è sicuro di restare nella zona di ‘metà griglia’. Se il pilota ex-Lotus dovesse andarsene, la Ferrari potrebbe mettere Antonio Giovinazzi su quel sedile, aiutando il team americano a pagare la penale per Grosjean.

Inoltre bisogna tenere presente alcune cose: la prima è che Antonio conosce bene il team americano anche grazie alle sessioni di libere e di test che sta facendo in questa stagione. La seconda riguarda l’Alfa Romeo: la Ferrari vuole marchiare i motori della Haas con il marchio del biscione, di cui Giovinazzi è ‘ambasciatore’ (alla presentazione della Stelvio si è dichiarato alfista convinto). La domanda è: può Antonio Giovinazzi arrivare in Formula 1 a braccetto con l’Alfa Romeo? I prossimi giorni saranno decisivi.