Good Morning Vietnam: il GP vietnamita al posto di quello malese?

Secondo The Sun, alcuni funzionari di Liberty Media si sono recati a Ho Chi Minh, capitale vietnamita per discutere la possibilità di tenere un Gran Premio cittadino in Vietnam.

Le discussioni sono ancora in fase iniziale, ma molti sponsor puntano ad aumentare la propria fetta di mercato nella regione Asia-Pacifico. Chase Carey, presidente della Formula 1, sta spingendo affinché venga ufficializzata la tappa vietnamita nel calendario mondiale. Questa volontà fa da contraltare al pensiero dell’ex padrone della Formula 1 Bernie Ecclestone. Quest’ultimo aveva perentoriamente bocciato la possibilità di una corsa in Vietnam, in quanto il Paese asiatico “non ha una storia di corse di auto”.

Lo scorso anno il Vietnam ha aperto il primo circuito per corse professioniste, sebbene quest’ultimo non rispetti ancora i requisiti per ospitare una corsa di Formula 1. Vista la presenza di Cina, Singapore e Malesia, Ecclestone non avrebbe voluto un’altra corsa in Asia Pacifico.

Il punto è che a fine anno scade il contratto con il Gran Premio di Malesia e non vi è intenzione di rinnovarlo. A questo punto entrerebbe in gioco il circuito vietnamita. Carey ha idee opposte rispetto ad Ecclestone. L’impianto di Ho Chi Minh andrebbe implementato per rispettare i requisiti di un circuito di Formula 1. Si può dire però che siamo sulla strada giusta.